Seleziona una pagina

La riVelazione è generalmente intesa in due significati fondamentali: l'apparenza e la scoperta. Sulla rivelazione può essere parlato su diversi livelli. In medicina, per esempio, si parla della manifestazione di segni di malattia e segni di guarigione, la religione della rivelazione di Dio o le apparizioni delle verità divine. Concettualmente, tutte le religioni, senza eccezione, può essere visto come un tipo di rivelazione, perché ogni religione è in qualche modo basato su ciò che il vero una volta sembrava essere. E ciò che una volta ha dato a qualcuno è un suono manifestato di religione che si è evoluto dalla prima, scoperta personale di una persona illuminata o omamionejed. Stiamo parlando di una persona illuminata o di un omamionej, perché la rivelazione può essere vera–cioè Quelli che rappresentano lo stato reale-o può essere ingannevole o ingannevole-cioè tale che porta a errori e illusioni.

La nozione di rivelazione

In questo modo, gli insegnamenti filosofici, fisici e matematici possono essere considerati come una sorta di rivelazione, perché si basano anche su ciò che una volta era vero per qualcuno ed è stata presa come una verità e poi diffusa da più diffusa Adottare l'ambiente. Possiamo capire, quindi, la rivelazione come accoglienza e trasmissione della luce da parte della persona – la trasmissione di una tale luce, che può essere una voce, un'immagine, un'esperienza sensoriale o mentale, e una luce che può essere verità o złudą.
In questo senso di rivelazione, non c'è dubbio se il buddismo è una religione rivelata. Questo è indiscutibile. È una religione rivelata perché tutte le religioni sono in qualche modo rivelate. Tuttavia, se limitiamo la comprensione di una rivelazione alla rivelazione di Dio, la questione della rivelazione del buddismo può essere data e ha una certa base. Nel presente lavoro, le domande non saranno poste. Ma guardiamo a come il fenomeno della rivelazione è percepito nel buddismo e ciò che è nel senso buddista della rivelazione. Il caso della rivelazione del Buddismo da parte di Dio si goed molto al di là di questi problemi e richiederebbe una considerazione del più ampio senso di spiritualità. Qui limite per presentare gli stessi insegnamenti e testimonianze.

La parola rivelata

Nel Buddismo, la nozione di rivelazione è sinonimo della nozione di parola, dottrina, legge. Così come si dice della parola che si tratta di due tipi-la parola di testimonianza e la parola di comprensione-si dice anche della rivelazione che si tratta di una rivelazione di testimonianza e una rivelazione di comprensione. Proprio come i guardiani della parola e i guardiani della parola parlano, i guardiani della riVelazione e i guardiani della riVelazione sono detti, e i guardiani dei comandamenti e dei guardiani del comando. Non c'è differenza significativa tra la parola e la rivelazione. La differenza appare solo nel suono. Si dice della parola, quando si vuole indicare che qualcosa dice, che ha una propria definizione. Si dice della rivelazione, quando vuole indicare che egli mostra qualcosa – che egli spiega. Si dice del comandamento quando vuole indicare che raccomanda – che raccomanda e si impegna.
UNA percezione simile della nozione di parola e rivelazione è presente anche nella religione cristiana, dove la parola significa anche la stessa cosa della rivelazione, ad esempio. La parola data da Dio al suo popolo e la parola scritta nella scrittura è chiamata una rivelazione; La parola presente come Gesù Cristo è anche chiamata una rivelazione. La parola di Dio, le Scritture, Gesù Cristo e la sua parola – tutto questo è una rivelazione. La stessa cosa è con il Buddha – i suoi insegnamenti, la sua parola chiamata riVelazione. La riVelazione è scrittura con gli insegnamenti del Buddha; E il Buddha stesso è talvolta chiamato una rivelazione (così soprattutto negli insegnamenti spirituali sviluppati).

RiVelazione in tibetano

In tibetano, le parole principali della riVelazione sono: Tenpa (bstan pa), Siarła (Shar BA), Ngondziur/Ngondu ciurpa (mngon gyur/mngon du gyur PA). I primi due mezzi per mostrare qualcosa o apparire, per emergere; E la terza apparenza, la divulgazione, rivelando nel senso di svelare qualcosa di nascosto.

RiVelazione nel Buddismo:

Le quattro verità

Si può parlare di diversi tipi di rivelazione. Prima di tutto, gli insegnamenti del Buddha sono una rivelazione – sia esso un Buddha Shakyamuni nel Buddismo indiano, o un Buddha Szenraba nel Buddismo di Bon. Inoltre, possiamo vedere anche la rivelazione nella persona di Buddha e nella comunità dei credenti. Buddha presenta quattro verità, e in realtà in queste quattro verità, tutti i suoi insegnamenti sono chiusi, indipendentemente dal fatto che sia capito in senso stretto o ampiamente. Le quattro verità sono: (1) tristezza, (2) l'inizio, (3) Ustanek e (4) il senso. Il Buddha, presentando così la verità, rivela ciò che è realmente presente. In breve, c'è tristezza, è l'inizio di tristezza, la sua Ustanek e il percorso che conduce a questo costantemente. Così, l'essenza delle verità presentate dal Buddha è l'esistenza. In questo modo la verità è essere.

"Ho un sacco di tristezza, ma è impossibile arrivare a conoscerlo completamente.
Ho lasciato l'inizio, ma è Impossibile lasciare.
Ho mostrato Ustanek, ma è impossibile fargli vedere.
Ho pensato alla strada, ma è Impossibile meditare su di esso.
"dice una delle scritture buddiste.

La verità della tristezza e precoce

La tristezza è vita, malattia, vecchiaia e morte. Tutti questi tipi di tristezza hanno un inizio comune nell'inconsapevolezza. inconsapevolezza, come il peccato originale nel concetto cristiano, è la causa di andata e ritorno nel mondo e, in ultima analisi, la causa della morte. Dà origine a conseguenze plurali, che il Buddha riassume tutti insieme come dodici dipendenze o dodici rami di derivazione dipendente:
(1) inconsapevolezza,
(2) l'etichetta,
(3) esperienza,
(4) soprannome,
(5) l'ambiente,
(6) toccare,
(7) sensibilità,
(8) lussuria,
(9) assunzione,
(10) essere,
(11) vita,
(12) morte senile.
Buddha rivela così la verità sul peccato originale, non usando figurativamente, ma descrivendo il corso dell'evento. L'inconsapevolezza, che è l'inizio di tutte queste dipendenze, è un approccio inconscio congenito. La morte è la conseguenza finale del primo errore. Negli insegnamenti buddisti, abbiamo opinioni diverse su ciò che è il primo errore-se si tratta di un soprannome o di una inconsapevolezza innata o di una inconsapevolezza curiosa-si tratta di un caso contenzioso ed è percepito in modo diverso da studiosi buddisti. Znamienite, tuttavia, è che essi assumono anche la nozione del primo errore o errore originale che è vicino al concetto di peccato originale nel cristianesimo.

Vero costantemente e strada

Andando oltre, il vero indica costantemente che la tristezza ha una fine. "Ustanek è una storta (Nirvana)", "Ustanek è la salvezza." Perché Ustanek è una sorta di fine, c'è anche un modo per questo fine. Il Buddha lo rivela. "La strada è otto episodi. Questi sono l'ordine di chiara comprensione. Il sublime, Ośmioodcinkowa modo è:
(1) uno sguardo sincero,
(2) giudizio sincero,
(3) il discorso sincero,
(4) il principio sincero di azione,
(5) pasti sinceri,
(6) sincero sforzo,
(7) attenzione sinCera,
(8) sincero piacere.
Il modo è, quindi, la moralità, słownością, seguire parola, parola di procedura.

RiVelazione buddista e rivelazione cristiana

In generale, non c'è grande differenza nella percezione di una rivelazione buddista con una rivelazione cristiana. Le differenze appaiono quando entriamo più in profondità, nei dettagli. I buddisti, per esempio, prendono la vista delle vite precedenti e successive, comunemente chiamate reincarnazione; Tuttavia, gli insegnamenti Prawowierna della reincarnazione cristiana non riconoscono. L'inferno secondo i buddisti è uno stato limitato nel tempo – un soggiorno in questo stato (anche se molto lungo) può avere una fine, e secondo i cristiani l'inferno è uno stato senza fine, illimitato nel tempo.
Nella profonda e ampia conoscenza di entrambi gli insegnamenti, tuttavia, sembra che la questione della percezione della reincarnazione e dell'inferno non sia chiaramente diversa in tutto, e oltre alle differenze significative ci sono anche la tangenza e la compatibilità, mostrando la sorprendente unanimità di entrambi Apparizioni. Quindi è una questione molto complessa e impossibile da descrivere in brevi parole, né potrebbe essere discussa in qualche breve processo. Ciò richiede uno studio approfondito e lungo. In generale, a causa dei principi, il buddismo e il cristianesimo sembrano essere compatibili. In dettaglio si differenziano nella percezione della reincarnazione e la durata dell'inferno, e nel modo di comunicazione. Nella risoluzione finale, tenendo conto delle varie opinioni clero e studiosi, non è evidente né la compatibilità né la diversità delle due apparizioni. Pertanto, non diamo alcun tribunale qui.
Proprio come Gesù disse: "io sono la via e la verità, e la vita", così anche il Buddha ci mostra come un modello e un esempio di vita. Proprio come Gesù disse: "saprai la verità, e la verità ti libererà," così il Buddha presenta una dottrina il cui scopo è la liberazione, e la cui cognizione porta alla liberazione (come egli fornisce).

Persona riFlessa

Per quanto riguarda la persona del Buddha Shakyamuni, secondo lo studio di una piccola procedura (Hīnayāna o Theravada) era un uomo che, passando noioso la strada, ha raggiunto l'obiettivo finale di illuminazione. La rivelazione, quindi, secondo questo punto di vista, è il risultato degli sforzi del Buddha – conseguenza della sua rinuncia e del suo pensiero. Allora il Buddha va con la sua scoperta ai compagni vicini e più successivamente sparge ancora più ulteriormente la sua parola. Così la rivelazione personale che Buddha divenne un testimone assume anche il significato della rivelazione universale data agli altri, in particolare la Congregazione dei discepoli del Buddha.
Così, già negli insegnamenti di base del buddismo che sono contenuti in piccoli procedimenti, abbiamo a che fare con la rivelazione nel senso della scoperta e nel senso di insegnamento, mostrando, la consapevolezza. Tuttavia, vi è una visione ancora più ampia della figura di Buddha della grande condotta (del Mahāyāna). Lì, Buddha è mostrato come colui che già nello spazio celeste reinventa la sua incarnazione per mostrare alle creature la via della salvezza. In questo modo, tutta la sua vita diventa una mostra-rivelazione.
Lo stesso è lo stesso con il Buddha Szenrabem, che, prima della nascita nel mondo, come un ragazzo di chiarezza (GSal BA) guarda alla terra e toccato dalla misericordia, prende la forma di un Szenraba per rivelare agli esseri il cammino verso la salvezza. In questo caso, tutta la vita e la persona del Buddha diventa una rivelazione nel senso della scienza-presentazione-spettacolo. Vediamo anche il sacrificio, il sacrificio, perché, dall'altezza dei discendenti, non c'è un pensiero concettuale, una parola concettuale, ma una persona vivente, accettando il corpo umano, i sentimenti e i giudizi su di sé. Inoltre, si chiama Tonpą Szenrabem (sTon PA gShen Rab), che significa rivelatore Szenrab o Szenrab insegnante.

La rivelazione delle parole: insegnamento delle generazioni successive

Se guardiamo più da vicino a ciò che gli insegnamenti del buddismo stanno facendo, abbiamo a che fare con una rivelazione nel senso stretto della parola. Non riceviamo l'insegnamento direttamente dal Buddha che vive sulla terra in una forma visibile, ma dagli insegnamenti spiritualmente rivelati ricevuti dai discepoli del Buddha. Una delle Scritture della grande pratica, ad esempio, dice: "quando il viaggio travolgente è andato in città, tutti i compagni della Congregazione sentito una voce eccezionalmente alta nel cielo – una voce manifestata da un vagamente unterm, ma non sapeva da dove proviene. Poi troppe centinaia di migliaia di poesie sono state chiaramente rivelate parole ".

RiVelazione del personaggio:
Visione e azione
Generazioni successive

Oltre a questo, non solo le storie contenute nelle Scritture della grande condotta per essere considerato una sorta di rivelazione, ma anche l'intero insegnamento delle prossime generazioni di clero buddista e studiosi, basato sulla parola di Buddha e la comprensione personale e l'esperienza Questa parola dai seguaci del Buddha. Anche questa dottrina ha una connotazione chiaramente objawieniowy, quando compaiono varie persone divine di corpi luminosi e colorati, parlando in voce chiara e linguaggio intelligibile. In questo tipo di rivelazione della forma divina abbonda soprattutto il patrimonio di interni rituali insegnamenti del Buddismo, più ampiamente sviluppato in Tibet e conosciuto comunemente come il Tantra.
Ecco che arriva tutta la moltitudine degli dei raffiguranti l'incarnazione del Buddha. Sono dèi nel senso dei messaggeri-Angeli-raffiguranti i personaggi (SKU), voci (Gsung), spiriti (teppisti), attributi (Yon Tan) e compiti (' phrin Forest) di un Buddha. Essi sono anche accompagnati da donne divine chiamate Wojowniczkami, eroine, niebiankamis, o esseri celesti. Si trovano in forme benigne e adirate. Le scritture buddiste tibetane ritraggono questi esseri maschili e femminili divini in un modo molto dettagliato e pittorico, mentre spiegano anche i loro palazzi, la società, i tipi di attività, i modi di dare loro la dovuta riverenza, ecc. In questa moltitudine di esseri divini si concentrano i riti elaborati e il pensiero chiamato delizie. Ai massimi livelli, il confessore stesso si trasforma in forma di tale Dio o dea.

Fenomeni spirituali

Oltre a queste rivelazioni spirituali, create sotto l'influenza di natchnień dall'alto, ci incontriamo anche nel Buddismo con descrizioni di visioni diverse, come la vista del paradiso o dell'inferno, o le testimonianze di persone che tornano dalla morte alla vita. Incontriamo anche profezie e indizi per trovare tesori nascosti. Tali tesori sono sacre Scritture e i vari oggetti di pio culto, che sono nascosti in tempi di persecuzione, sono scoperti dopo secoli sotto l'influenza di vari natchnieńs, sentimenti o solo rivelazioni. L'esploratore di un tale tesoro è chiamato Objawicielem tesoro, Tertonem (Gter Ston). Le rivelazioni avvengono nei sogni e sognare ad occhi aperti.
In particolare, la religione tibetana abbonda di questi fenomeni spirituali. In indiano, cinese, giapponese, ecc. Non è un esempio di grande importanza per le varie manifestazioni della spiritualità, e anche sono spinti a lato come una minaccia o illusione. La prospettiva dipende dal modo in cui è stata adottata. Persone che rinunciano al mondo e umartwiające il corpo, prendono tutte le immagini o rivelazioni per le immagini sensuali, la tentazione, e il tipo di illusione che non importa, perché queste persone cercano la pace in libertà da tutte le idee e passioni. E le persone che lavorano nel mondo e il lavoro di trasformazione trovano significato in queste diverse manifestazioni di spiritualità, anche se queste manifestazioni appaiono sensuali, e possono usare il potere nascosto in loro leggendo il segno Fonti di cognizione. La visione della rivelazione nel buddismo dipende quindi dalla natura del modo o del procedimento.

Jacob Szukalski

 

 

Sei lampade

1)SGron ha droga GI gdams PA
"Luminoso e vuoto, senza trasformazione e distorsione, una forma molto incontaminata della parola-come incontaminata, inalterata dal termine; UNA possibile forma di adempimento – pieno, pieno, complementare; La forma incerta e non ovvia dell'incarnazione – riflessa in modo imparziale in tutti gli eventi – non è particolarmente diversa. AbBracciare l'insieme di vagabondaggio e di riposo, come il cielo avvolge tutto il mondo visibile.
Un cielo luminoso abbraccia tutti. Non ci sono pagine o linee guida in questo cielo luminoso. Da un grande abisso tutto appare. Non c'è ampiezza o ristrettezza in questo abisso vuoto. In un grande spazio tutto esiste. Non c'è altezza o basso in questo spazio comune. Si dice che sia l'anima razionale. In un senso semplice, è un troiście, ma rimane indiviso nel significato. C'è un punto grande ".

 

Dal silenzio del Tempio di Niepotrzebującej rivivere, preparato dal nucleo di silenzio, cerchio luminoso della montagna di fuoco

2)Zhi BA Yang snying me ri ' Khor lo ' da Chen US bkol ba'i GSAs mkhar Zhi BA bskyed mi DGOS
"Oh Santo, bene è come
Il tuo spirito il più grande?
Non ha alcun giudizio,
Tutto vede chiaramente.
Ha una cognizione illuminata,
Senza complicazioni dappertutto.
È il re della coscienza –
Si manifesta ovunque.
Ciao, spirito di bontà-
Lo spirito del più grande!

 

Przypisy   [ + ]

1. SGron ha droga GI gdams PA
2. Zhi BA Yang snying me ri ' Khor lo ' da Chen US bkol ba'i GSAs mkhar Zhi BA bskyed mi DGOS