Vipassana: vigilanza buddista

  • Joga 

Il percorso del Buddha non è solo il vuoto, non solo il riposo e la vita come una mucca, ma anche un ingresso sensibile alla realtà e l'osservazione perspicace di ciò che sta accadendo.

UN Buddha nei suoi insegnamenti va alla gente per dare loro l'illuminazione-per insegnare circa la verità. Quello che è onnisciente rappresenta vari modi per raggiungere la conoscenza. Parla di rinuncia, liberarsi della sensualità, cercare la pace, sviluppare virtù e acquisire saggezza.

 

Calma e consapevolezza

 

Per quanto riguarda l'anima – lavorare sul proprio interno – spiega l'importanza della pace e della vigilanza. Questi due modi di ascensione dell'anima alle Highlands sono chiamati nella lingua Palijskim Samatha e Vipassana (in sanscrito: shamatha, Vipaśyana; dopo tibetano: Zhi Gnas, Dim. Mer-tib. Śine, Lhag mthong, Dim. Mer-tib. Hlakthong)).

La pace e la consapevolezza sostenuta dal Buddha non sono un mondo tipo di riposo o di messa a fuoco, ma hanno un significato speciale, diverso da quello che le correnti del mondo raffigurano. L'obiettivo finale degli insegnamenti del Buddha è raggiungere la santità. La santità a questo proposito è felicità eterna – non Beano di emergenza, una gioia fugace, un comfort momentaneo, un rilassamento alla Spa e wellness, ma una passeggiata all'essenza – a ciò che possiamo chiamare la vita eterna. Noi non sollevare la questione qui, se si tratta di un incontro con un Dio personale, o che cosa è di essere, eterna celebrazione, perché sono questioni spirituali (teologico, metafisico) che richiederebbe una più ampia discussione, e qui Piuttosto, vorremmo dire questo da una vita di lingua e utile. Buddha stesso, inoltre, ha insegnato la pace e la vigilanza più in termini di esercizio, piuttosto che essere e lo scopo della spiritualità. Solo i saggi successivi (es. Vasubandhu, Asanga (IV W.), Buddhaghoṣa (V. W.), Kamalaśīla (VIII W.)). Hanno sviluppato il significato spirituale speciale di queste indicazioni.

Vipassana

Vipassana in Palijskim o vipaśyana in sanscrito significa vigilanza, intuizione, osservazione, visione interna, occhi, preavviso, sensazione, intuizione, revisione, guardando.

In tibetano, le parole hlaktong (Lhag mthong), che sono intuizioni significative, intuizioni, vigilanza, sono di solito usate per esprimere questa nozione. La parola hlaktong, se dovesse essere smembrata, potrebbe anche essere intesa come migliore (Lhag) visione (Mthong). In termini di significato, questa vigilanza significa "una delizia speciale 1)Skt. Samadhi Ting ESN ' dzin, Dim. Mer-tib. tingedz.in). " 2)Skt. Shamatha Zhi Gnas, Dim. Mer-tib. Śine. Questa frase è tratto dal dizionario mDo sngags Kyi gzhung Chen mo'i tshig mdzod RIS Med mKhas PA ' RDO zhal Lung, ed. BOD Gzhung shes rig pa ' RDO Khang, Delhi 2005, S. 762

 

"Noi diciamo di vigilanza, perché è quello di acquisire una particolare abilità di ricerca, grazie a un maggiore ragionamento 3)Lhag PA ' RDO shes Rab. che solo cząstkowemu ". (ibid (qui è una spiegazione dell'origine del nome).)

 

Quando si parla di due tipi di pensiero – ricerca e ZESTAWIAJĄCYM (analitica e sintetica), 4)analitica)-(pensiero esplorativo). Dpyad sgom; Posizionatori deLiberati (sintetici) – ' jog sgom) Questa vigilanza sta pensando di ricerca, separando, perspicace. Così dice Buddha Shakyamuni:

"Gli amici, chiunque-il Monk o il nun-sono indicati a me per realizzare la vittoria sopra il nemico, 5)la vittoria sopra il nemico è al contrario la dignità del prophet o del Wieszcza, il cosiddetto. Arhat state) Questo è fatto da uno in quattro modi. Quattro che?

Succede che il Monaco sviluppa la vigilanza preceduta dalla pace. (…) Accade anche che il frate sviluppi la calma preceduta dalla vigilanza. (…) Accade anche che il Monaco sviluppi la calma allo stesso tempo con vigilanza. (…) Inoltre accade che l'anima del Monk in se Slotsmania l'ansia circa la parola. " 7)Yuganaddha Sutta in "Aṅguttara Nikāya" (4,170), sul modello di traduzione inglese della lingua Palijskiego da Thanissaro bhikkhu (1998). Vedere. Collegamento: http://www.accesstoinsight.org/Tipitaka/an/an04/an04.170.than.html

 

"Le due qualità hanno una quota in senso (in un custodito).

Che due? Calma e vigilanza.

Pace della mente, quando si sta evolvendo, a che scopo serve? Sviluppo dell'anima.

E l'anima, una volta sviluppata, a quale scopo serve? Rifiuto della passione.

Vigilanza, quando si sviluppa, che scopo serve?

Sviluppo della ragione.

E la ragione, una volta che si è sviluppato, che scopo serve? Rifiuto di inconsapevolezza.

L'anima è niezbawionaed dalla contaminazione dalla passione. La ragione è non sviluppata dalla contaminazione dell'inconsapevolezza. Così abbiamo la salvezza della coscienza attraverso la scomparsa della passione, e la salvezza della ragione – attraverso la perdita dell'incoscienza». 6)Vijja-Bhagiya Sutta in "Aṅguttara Nikāya" (2,30), sul modello di traduzione inglese della lingua Palijskiego da Thanissaro bhikkhu (1998). Vedere. Collegamento: http://www.accesstoinsight.org/Tipitaka/an/an02/an02.030.than.html

"Così i monaci, che modo sa di essere indipendente? Pace e vigilanza ".

 

La vigilanza può anche essere definita come una sorta di Veglia, osservazioni, consapevolezza. Questa comprensione porta anche all'importanza di guardare, guardare, contemplare, intuire, intuizione.

Il chierico tibetano Jamgon Kongtrul nella sua parola Vault (shes bya mdzod) scrisse che

"La pace è, infatti, avere ripensamenti, la vigilanza – essenzialmente una ragione, e lo sviluppo delle virtù – essenzialmente lo zelo";

 

"Il principio è la pace, che è un'anima concentrata, e la separazione delle parole, o la vigilanza, di un pensiero graduale."

 

La decorazione della storia ( MDo rgyan) ha detto:

"A seconda del Focus chiaro, abbiamo la pace e la vigilanza,

Di deporre l'anima nell'anima e separare le parole.

 

Spiegazione del piano 9)Skt. Saṃdhinirmocana Sutra, DGongs PA nges ' Grel-I o II W. Dopo N. Chr. Dice:

"Quando una persona assimila la vigilanza e la calma, egli viene salvato dalla tendenza a sbucciare gli stati malvagi e ad essere una tendenza ai concetti."

 

Nel discorso del Buddha originale, poco si sente di vigilanza come un'arte separata. Solo i seguaci dei tempi più tardi sono stati educati in un modo corretto di pensare, sulla base di istruzione preventiva. (Questo non significa che non avevo rozmyślano prima, ma che il modo di pensare non aveva ancora un ordine adeguato e spiegazione.

Meditazione Vipassana

 

Ma in tutti gli insegnamenti del Buddha, l'eccezione è la scrittura che ora serve come base per il moderno movimento Vipassana. Questa scrittura, chiamata conferenza consapevolezza (pali: satipaṭhāna Sutta, Skt. Smṛtyupasthāna Sutra-la parola Sati (Skt. Smṛti), spostato come consapevolezza, sobrietà, vigilanza, la memoria si riferisce chiaramente al significato di Vipassana e può essere considerato bliskoznaczny.) Esso presenta vari modi di sviluppare la vigilanza, che sono stati poi specificamente istruiti nel più antico dei riti buddisti indiani, chiamato therawadą. I metodi discussi dal Buddha si riferiscono alla forma, al sentimento, all'anima e alla parola. Hanno quindi una natura fisica, morale, mentale e spirituale (intellettuale). È una specie di przypatrywania, di ricerca o di contemplazione. Il modo più diffuso di sviluppare la vigilanza è quello di concentrarsi sul respiro. Tra i modi presentati dal Buddha, questa è solo una frazione di tutta la scienza della vigilanza. Fisica (carattere) la vigilanza è sviluppata da messa a fuoco:

  • Sul respiro,
  • Attività (camminare, in piedi, seduto, sdraiato),
  • Sulla sensualità (cognitività),
  • Ohydach (capelli, italiano, chiodi, denti, pelle, muscoli, tendini, ossa, midollo osseo, reni, cuore, fegato, diaframma, milza, polmoni, intestino, mesentery, stomaco, sgabello, bile, muco, pus, sangue, sudore, sego, lacrime, grasso, saliva, sovrabbondanza, goo e urina),
  • Sugli elementi (nel corpo),
  • In ritardo.

La morale (emotiva) di vigilanza è sviluppata da messa a fuoco:

  • Su sensazioni piacevoli o spiacevoli o non piacevoli o sgradevoli,
  • Sui sentimenti mondani o spirituali.

La vigilanza mentale è sviluppata mettendo a fuoco:

  • Sull'avidità o la mancanza di avidità,
  • Odio o non-odio,
  • Gnuśności o la mancanza di Gnuśności,
  • Sulla concentrazione e la dispersione,
  • Sulla magnificenza e l'insplendore,
  • Sulla Przyrodzoności e sulla soprannaturalità,
  • Sulla sostenibilità e lo squilibrio,
  • Sulla salvezza e l'insalvezza.

La vigilanza spirituale (intellettuale) è sviluppata mettendo a fuoco:

  • Nelle tenebre 10)l'oscurità della passione e dell'oscurità del pensiero (concetti
  • Sul Ustrojach adottivo, 11)creature di regimi corrotti. Prendono il desiderio, lo sguardo, la giustizia e la disciplina, e parlano di se stessi.)
  • Su Przyrodzeniach e le loro relazioni, ((occhi, orecchie, naso, lingua, corpo, pensiero, immagine, suono, olfatto, gusto, tatto, parola e tutto ciò che si associa a loro.
  • Sulla comprensione rami, 8)un ramo di chiara comprensione: la memoria (sobrietà), la separazione delle parole, zelo, Beano, agilità, rapimento, indifferenza. UN ramo di comprensione è denominato una conoscenza alta dello stimolante per capire. La comprensione è la cognizione della parola, e il ramo è un'espressione parziale di esso. (Questa è una spiegazione presa da MDo sngags Kyi Gzhung Chen mo'i tshig mdzod RIS Med mKhas PA ' RDO zhal Lung, ed. BOD Gzhung shes rig pa ' RDO Khang, Delhi 2005, S. 484).
  • Sulle quattro verità alte. (Tormento, fonte, stop e via o altro: sofferenza, inizio, arresto, e via. I fatti della vita: c'è sofferenza (tristezza); è il suo inizio e la sua fine; C'è una strada che porta a tal fine.)

 

La vigilanza inoltre è sviluppata negli insegnamenti eccezionali di Buddhism tibetano, quale un comportamento sano ((Skt. Vajrayāna, RDO rje theg pa, Dim. Mer-tib. Dordzie Tekpa) e un grande adempimento ((tib. Rdzogs chen, Dim. Mer-tib. Dzokcien, o rdzogs pa chen po, Dim. Dzokpa Cienpo), ma questo è solo un ponte o un preludio alla corretta azione spirituale. Insegnamenti simili sono presenti anche nel Buddismo di Bon, che ha le sue origini probabilmente nei giorni prima della nascita del Buddha Shakyamuni.

L'istruzione di sei lampade con un grande compimento nel Bon Rite dire che

"La mente auto-cosciente è senza immagine, e la forma pittorica di vigilanza è una forza di coscienza.

Assomiglia ad un arcobaleno dipinto nel cielo.

Assomiglia ad un rotolo aperto di scintillio.

Ricorda le riflessioni che compaiono nello specchio (scritto da Nanksiera Lopo (SNang bzher LOD po, CA. VII W.) Dalla rivelazione di TAPI Hrycy (TA pi HRI TSA) in RDzogs PA Chen dopo Zhang zhung snyan rGyud Las sgron ha droga GI gdams PA in "bande ti se Bon gzhung rig mdzod DPE tshogs/deb NYer bZhi BA/rDzogs Chen snyan rGyud BKA ' rGyud Skor bZhi ' , Amdo 2009, p. 296. "

 

Negli insegnamenti spirituali del grande adempimento della vigilanza si presenta come una sorta di immagine o modello, cioè un oggetto su cui si può focalizzare l'attenzione, mentre la stessa mente rimane inimmaginabile, sfuggente. Nel spiegare a questo ((scritto da Nanksiera Lopo (SNang bzher LOD po, CA. VII W.) Dalla rivelazione di TAPI HryXIV in.?) E si trova in RDzogs PA Chen dopo Zhang zhung snyan rGyud Las sgron ma'i ' Grel BA Nyi ' da rgyan in "Gangs ti se Bon gzhung rig mdzod DPE tshogs/deb NYer bZhi BA/rDzogs Chen snyan rGyud BKA ' rGyud Skor bZhi", Amdo 2009, S. 296:

"La mente cosciente non ha creato una forma pittorica,

Ma in forza inarrestabile, a immagine della vigilanza, ci sono collettori.

Come appaiono? È stato detto che sono apparsi come arcobaleni nel cielo.

 

La vigilanza è ciò che aiuta a preservare la coscienza, ma nella mente di un grande adempimento non è incoraggiato o sviluppato, ma permette di manifestarsi spontaneamente. In questo stato c'è una moltitudine di possibilità prima di guardare. Hanno una qualità per lui, così è capace di movimento libero ed imparziale per il beneficio di tutti gli esseri.

 

Va notato che la vigilanza secondo la scienza buddista non può essere separato da tutti gli insegnamenti. A volte ci sono tendenze a concentrarsi solo su Vipassanie, ignorando l'intera faccenda. Questo approccio può portare ad una certa capacità di sviluppare, o per raggiungere la nitidezza della ragione, ma non avrà molto in comune con la vigilanza che Buddha raccomandato.

La vigilanza raccomandata dal Buddha è un tipo di strada. Solo pensare è una parte della strada. In questo modo si imbarca su una certa base e segue per uno scopo particolare. Senza questi motivi o no, la strada stessa non beneficerà. Può essere divertente, ma non avrà nulla a che fare con la felicità e la salvezza presentate dal Buddha.

 

 

Jacob Szukalski

Przypisy   [ + ]

1. Skt. Samadhi Ting ESN ' dzin, Dim. Mer-tib. tingedz.in). " ((Skt. Shamatha Zhi Gnas, Dim. Mer-tib. Śine. Questa frase è tratto dal dizionario mDo sngags Kyi gzhung Chen mo'i tshig mdzod RIS Med mKhas PA ' RDO zhal Lung, ed. BOD Gzhung shes rig pa ' RDO Khang, Delhi 2005, S. 762
2. Skt. Shamatha Zhi Gnas, Dim. Mer-tib. Śine. Questa frase è tratto dal dizionario mDo sngags Kyi gzhung Chen mo'i tshig mdzod RIS Med mKhas PA ' RDO zhal Lung, ed. BOD Gzhung shes rig pa ' RDO Khang, Delhi 2005, S. 762

 

"Noi diciamo di vigilanza, perché è quello di acquisire una particolare abilità di ricerca, grazie a un maggiore ragionamento ((Lhag PA ' RDO shes Rab.

3. Lhag PA ' RDO shes Rab. che solo cząstkowemu ". (ibid (qui è una spiegazione dell'origine del nome).)

 

Quando si parla di due tipi di pensiero – ricerca e ZESTAWIAJĄCYM (analitica e sintetica), ((analitica)-(pensiero esplorativo). Dpyad sgom; Posizionatori deLiberati (sintetici) – ' jog sgom) Questa vigilanza sta pensando di ricerca, separando, perspicace. Così dice Buddha Shakyamuni:

"Gli amici, chiunque-il Monk o il nun-sono indicati a me per realizzare la vittoria sopra il nemico, ((la vittoria sopra il nemico è al contrario la dignità del prophet o del Wieszcza, il cosiddetto. Arhat state) Questo è fatto da uno in quattro modi. Quattro che?

Succede che il Monaco sviluppa la vigilanza preceduta dalla pace. (…) Accade anche che il frate sviluppi la calma preceduta dalla vigilanza. (…) Accade anche che il Monaco sviluppi la calma allo stesso tempo con vigilanza. (…) Inoltre accade che l'anima del Monk in se Slotsmania l'ansia circa la parola. " ((Yuganaddha Sutta in "Aṅguttara Nikāya" (4,170), sul modello di traduzione inglese della lingua Palijskiego da Thanissaro bhikkhu (1998). Vedere. Collegamento: http://www.accesstoinsight.org/Tipitaka/an/an04/an04.170.than.html

4. analitica)-(pensiero esplorativo). Dpyad sgom; Posizionatori deLiberati (sintetici) – ' jog sgom) Questa vigilanza sta pensando di ricerca, separando, perspicace. Così dice Buddha Shakyamuni:

"Gli amici, chiunque-il Monk o il nun-sono indicati a me per realizzare la vittoria sopra il nemico, ((la vittoria sopra il nemico è al contrario la dignità del prophet o del Wieszcza, il cosiddetto. Arhat state) Questo è fatto da uno in quattro modi. Quattro che?

Succede che il Monaco sviluppa la vigilanza preceduta dalla pace. (…) Accade anche che il frate sviluppi la calma preceduta dalla vigilanza. (…) Accade anche che il Monaco sviluppi la calma allo stesso tempo con vigilanza. (…) Inoltre accade che l'anima del Monk in se Slotsmania l'ansia circa la parola. " ((Yuganaddha Sutta in "Aṅguttara Nikāya" (4,170), sul modello di traduzione inglese della lingua Palijskiego da Thanissaro bhikkhu (1998). Vedere. Collegamento: http://www.accesstoinsight.org/Tipitaka/an/an04/an04.170.than.html

 

"Le due qualità hanno una quota in senso (in un custodito).

Che due? Calma e vigilanza.

Pace della mente, quando si sta evolvendo, a che scopo serve? Sviluppo dell'anima.

E l'anima, una volta sviluppata, a quale scopo serve? Rifiuto della passione.

Vigilanza, quando si sviluppa, che scopo serve?

Sviluppo della ragione.

E la ragione, una volta che si è sviluppato, che scopo serve? Rifiuto di inconsapevolezza.

L'anima è niezbawionaed dalla contaminazione dalla passione. La ragione è non sviluppata dalla contaminazione dell'inconsapevolezza. Così abbiamo la salvezza della coscienza attraverso la scomparsa della passione, e la salvezza della ragione – attraverso la perdita dell'incoscienza». ((Vijja-Bhagiya Sutta in "Aṅguttara Nikāya" (2,30), sul modello di traduzione inglese della lingua Palijskiego da Thanissaro bhikkhu (1998). Vedere. Collegamento: http://www.accesstoinsight.org/Tipitaka/an/an02/an02.030.than.html

5. la vittoria sopra il nemico è al contrario la dignità del prophet o del Wieszcza, il cosiddetto. Arhat state) Questo è fatto da uno in quattro modi. Quattro che?

Succede che il Monaco sviluppa la vigilanza preceduta dalla pace. (…) Accade anche che il frate sviluppi la calma preceduta dalla vigilanza. (…) Accade anche che il Monaco sviluppi la calma allo stesso tempo con vigilanza. (…) Inoltre accade che l'anima del Monk in se Slotsmania l'ansia circa la parola. " ((Yuganaddha Sutta in "Aṅguttara Nikāya" (4,170), sul modello di traduzione inglese della lingua Palijskiego da Thanissaro bhikkhu (1998). Vedere. Collegamento: http://www.accesstoinsight.org/Tipitaka/an/an04/an04.170.than.html

 

"Le due qualità hanno una quota in senso (in un custodito).

Che due? Calma e vigilanza.

Pace della mente, quando si sta evolvendo, a che scopo serve? Sviluppo dell'anima.

E l'anima, una volta sviluppata, a quale scopo serve? Rifiuto della passione.

Vigilanza, quando si sviluppa, che scopo serve?

Sviluppo della ragione.

E la ragione, una volta che si è sviluppato, che scopo serve? Rifiuto di inconsapevolezza.

L'anima è niezbawionaed dalla contaminazione dalla passione. La ragione è non sviluppata dalla contaminazione dell'inconsapevolezza. Così abbiamo la salvezza della coscienza attraverso la scomparsa della passione, e la salvezza della ragione – attraverso la perdita dell'incoscienza». ((Vijja-Bhagiya Sutta in "Aṅguttara Nikāya" (2,30), sul modello di traduzione inglese della lingua Palijskiego da Thanissaro bhikkhu (1998). Vedere. Collegamento: http://www.accesstoinsight.org/Tipitaka/an/an02/an02.030.than.html

"Così i monaci, che modo sa di essere indipendente? Pace e vigilanza ".

 

La vigilanza può anche essere definita come una sorta di Veglia, osservazioni, consapevolezza. Questa comprensione porta anche all'importanza di guardare, guardare, contemplare, intuire, intuizione.

Il chierico tibetano Jamgon Kongtrul nella sua parola Vault (shes bya mdzod) scrisse che

"La pace è, infatti, avere ripensamenti, la vigilanza – essenzialmente una ragione, e lo sviluppo delle virtù – essenzialmente lo zelo";

 

"Il principio è la pace, che è un'anima concentrata, e la separazione delle parole, o la vigilanza, di un pensiero graduale."

 

La decorazione della storia ( MDo rgyan) ha detto:

"A seconda del Focus chiaro, abbiamo la pace e la vigilanza,

Di deporre l'anima nell'anima e separare le parole.

 

Spiegazione del piano ((Skt. Saṃdhinirmocana Sutra, DGongs PA nges ' Grel-I o II W. Dopo N. Chr.

6. Vijja-Bhagiya Sutta in "Aṅguttara Nikāya" (2,30), sul modello di traduzione inglese della lingua Palijskiego da Thanissaro bhikkhu (1998). Vedere. Collegamento: http://www.accesstoinsight.org/Tipitaka/an/an02/an02.030.than.html

"Così i monaci, che modo sa di essere indipendente? Pace e vigilanza ".

 

La vigilanza può anche essere definita come una sorta di Veglia, osservazioni, consapevolezza. Questa comprensione porta anche all'importanza di guardare, guardare, contemplare, intuire, intuizione.

Il chierico tibetano Jamgon Kongtrul nella sua parola Vault (shes bya mdzod) scrisse che

"La pace è, infatti, avere ripensamenti, la vigilanza – essenzialmente una ragione, e lo sviluppo delle virtù – essenzialmente lo zelo";

 

"Il principio è la pace, che è un'anima concentrata, e la separazione delle parole, o la vigilanza, di un pensiero graduale."

 

La decorazione della storia ( MDo rgyan) ha detto:

"A seconda del Focus chiaro, abbiamo la pace e la vigilanza,

Di deporre l'anima nell'anima e separare le parole.

 

Spiegazione del piano ((Skt. Saṃdhinirmocana Sutra, DGongs PA nges ' Grel-I o II W. Dopo N. Chr. Dice:

"Quando una persona assimila la vigilanza e la calma, egli viene salvato dalla tendenza a sbucciare gli stati malvagi e ad essere una tendenza ai concetti."

 

Nel discorso del Buddha originale, poco si sente di vigilanza come un'arte separata. Solo i seguaci dei tempi più tardi sono stati educati in un modo corretto di pensare, sulla base di istruzione preventiva. (Questo non significa che non avevo rozmyślano prima, ma che il modo di pensare non aveva ancora un ordine adeguato e spiegazione.

7. Yuganaddha Sutta in "Aṅguttara Nikāya" (4,170), sul modello di traduzione inglese della lingua Palijskiego da Thanissaro bhikkhu (1998). Vedere. Collegamento: http://www.accesstoinsight.org/Tipitaka/an/an04/an04.170.than.html

 

"Le due qualità hanno una quota in senso (in un custodito).

Che due? Calma e vigilanza.

Pace della mente, quando si sta evolvendo, a che scopo serve? Sviluppo dell'anima.

E l'anima, una volta sviluppata, a quale scopo serve? Rifiuto della passione.

Vigilanza, quando si sviluppa, che scopo serve?

Sviluppo della ragione.

E la ragione, una volta che si è sviluppato, che scopo serve? Rifiuto di inconsapevolezza.

L'anima è niezbawionaed dalla contaminazione dalla passione. La ragione è non sviluppata dalla contaminazione dell'inconsapevolezza. Così abbiamo la salvezza della coscienza attraverso la scomparsa della passione, e la salvezza della ragione – attraverso la perdita dell'incoscienza». 6)Vijja-Bhagiya Sutta in "Aṅguttara Nikāya" (2,30), sul modello di traduzione inglese della lingua Palijskiego da Thanissaro bhikkhu (1998). Vedere. Collegamento: http://www.accesstoinsight.org/Tipitaka/an/an02/an02.030.than.html

"Così i monaci, che modo sa di essere indipendente? Pace e vigilanza ".

 

La vigilanza può anche essere definita come una sorta di Veglia, osservazioni, consapevolezza. Questa comprensione porta anche all'importanza di guardare, guardare, contemplare, intuire, intuizione.

Il chierico tibetano Jamgon Kongtrul nella sua parola Vault (shes bya mdzod) scrisse che

"La pace è, infatti, avere ripensamenti, la vigilanza – essenzialmente una ragione, e lo sviluppo delle virtù – essenzialmente lo zelo";

 

"Il principio è la pace, che è un'anima concentrata, e la separazione delle parole, o la vigilanza, di un pensiero graduale."

 

La decorazione della storia ( MDo rgyan) ha detto:

"A seconda del Focus chiaro, abbiamo la pace e la vigilanza,

Di deporre l'anima nell'anima e separare le parole.

 

Spiegazione del piano ((Skt. Saṃdhinirmocana Sutra, DGongs PA nges ' Grel-I o II W. Dopo N. Chr. Dice:

"Quando una persona assimila la vigilanza e la calma, egli viene salvato dalla tendenza a sbucciare gli stati malvagi e ad essere una tendenza ai concetti."

 

Nel discorso del Buddha originale, poco si sente di vigilanza come un'arte separata. Solo i seguaci dei tempi più tardi sono stati educati in un modo corretto di pensare, sulla base di istruzione preventiva. (Questo non significa che non avevo rozmyślano prima, ma che il modo di pensare non aveva ancora un ordine adeguato e spiegazione.

Meditazione Vipassana

 

Ma in tutti gli insegnamenti del Buddha, l'eccezione è la scrittura che ora serve come base per il moderno movimento Vipassana. Questa scrittura, chiamata conferenza consapevolezza (pali: satipaṭhāna Sutta, Skt. Smṛtyupasthāna Sutra-la parola Sati (Skt. Smṛti), spostato come consapevolezza, sobrietà, vigilanza, la memoria si riferisce chiaramente al significato di Vipassana e può essere considerato bliskoznaczny.) Esso presenta vari modi di sviluppare la vigilanza, che sono stati poi specificamente istruiti nel più antico dei riti buddisti indiani, chiamato therawadą. I metodi discussi dal Buddha si riferiscono alla forma, al sentimento, all'anima e alla parola. Hanno quindi una natura fisica, morale, mentale e spirituale (intellettuale). È una specie di przypatrywania, di ricerca o di contemplazione. Il modo più diffuso di sviluppare la vigilanza è quello di concentrarsi sul respiro. Tra i modi presentati dal Buddha, questa è solo una frazione di tutta la scienza della vigilanza. Fisica (carattere) la vigilanza è sviluppata da messa a fuoco:

  • Sul respiro,
  • Attività (camminare, in piedi, seduto, sdraiato),
  • Sulla sensualità (cognitività),
  • Ohydach (capelli, italiano, chiodi, denti, pelle, muscoli, tendini, ossa, midollo osseo, reni, cuore, fegato, diaframma, milza, polmoni, intestino, mesentery, stomaco, sgabello, bile, muco, pus, sangue, sudore, sego, lacrime, grasso, saliva, sovrabbondanza, goo e urina),
  • Sugli elementi (nel corpo),
  • In ritardo.

La morale (emotiva) di vigilanza è sviluppata da messa a fuoco:

  • Su sensazioni piacevoli o spiacevoli o non piacevoli o sgradevoli,
  • Sui sentimenti mondani o spirituali.

La vigilanza mentale è sviluppata mettendo a fuoco:

  • Sull'avidità o la mancanza di avidità,
  • Odio o non-odio,
  • Gnuśności o la mancanza di Gnuśności,
  • Sulla concentrazione e la dispersione,
  • Sulla magnificenza e l'insplendore,
  • Sulla Przyrodzoności e sulla soprannaturalità,
  • Sulla sostenibilità e lo squilibrio,
  • Sulla salvezza e l'insalvezza.

La vigilanza spirituale (intellettuale) è sviluppata mettendo a fuoco:

  • Nelle tenebre ((l'oscurità della passione e dell'oscurità del pensiero (concetti
8. un ramo di chiara comprensione: la memoria (sobrietà), la separazione delle parole, zelo, Beano, agilità, rapimento, indifferenza. UN ramo di comprensione è denominato una conoscenza alta dello stimolante per capire. La comprensione è la cognizione della parola, e il ramo è un'espressione parziale di esso. (Questa è una spiegazione presa da MDo sngags Kyi Gzhung Chen mo'i tshig mdzod RIS Med mKhas PA ' RDO zhal Lung, ed. BOD Gzhung shes rig pa ' RDO Khang, Delhi 2005, S. 484
9. Skt. Saṃdhinirmocana Sutra, DGongs PA nges ' Grel-I o II W. Dopo N. Chr. Dice:

"Quando una persona assimila la vigilanza e la calma, egli viene salvato dalla tendenza a sbucciare gli stati malvagi e ad essere una tendenza ai concetti."

 

Nel discorso del Buddha originale, poco si sente di vigilanza come un'arte separata. Solo i seguaci dei tempi più tardi sono stati educati in un modo corretto di pensare, sulla base di istruzione preventiva. (Questo non significa che non avevo rozmyślano prima, ma che il modo di pensare non aveva ancora un ordine adeguato e spiegazione.

Meditazione Vipassana

 

Ma in tutti gli insegnamenti del Buddha, l'eccezione è la scrittura che ora serve come base per il moderno movimento Vipassana. Questa scrittura, chiamata conferenza consapevolezza (pali: satipaṭhāna Sutta, Skt. Smṛtyupasthāna Sutra-la parola Sati (Skt. Smṛti), spostato come consapevolezza, sobrietà, vigilanza, la memoria si riferisce chiaramente al significato di Vipassana e può essere considerato bliskoznaczny.) Esso presenta vari modi di sviluppare la vigilanza, che sono stati poi specificamente istruiti nel più antico dei riti buddisti indiani, chiamato therawadą. I metodi discussi dal Buddha si riferiscono alla forma, al sentimento, all'anima e alla parola. Hanno quindi una natura fisica, morale, mentale e spirituale (intellettuale). È una specie di przypatrywania, di ricerca o di contemplazione. Il modo più diffuso di sviluppare la vigilanza è quello di concentrarsi sul respiro. Tra i modi presentati dal Buddha, questa è solo una frazione di tutta la scienza della vigilanza. Fisica (carattere) la vigilanza è sviluppata da messa a fuoco:

  • Sul respiro,
  • Attività (camminare, in piedi, seduto, sdraiato),
  • Sulla sensualità (cognitività),
  • Ohydach (capelli, italiano, chiodi, denti, pelle, muscoli, tendini, ossa, midollo osseo, reni, cuore, fegato, diaframma, milza, polmoni, intestino, mesentery, stomaco, sgabello, bile, muco, pus, sangue, sudore, sego, lacrime, grasso, saliva, sovrabbondanza, goo e urina),
  • Sugli elementi (nel corpo),
  • In ritardo.

La morale (emotiva) di vigilanza è sviluppata da messa a fuoco:

  • Su sensazioni piacevoli o spiacevoli o non piacevoli o sgradevoli,
  • Sui sentimenti mondani o spirituali.

La vigilanza mentale è sviluppata mettendo a fuoco:

  • Sull'avidità o la mancanza di avidità,
  • Odio o non-odio,
  • Gnuśności o la mancanza di Gnuśności,
  • Sulla concentrazione e la dispersione,
  • Sulla magnificenza e l'insplendore,
  • Sulla Przyrodzoności e sulla soprannaturalità,
  • Sulla sostenibilità e lo squilibrio,
  • Sulla salvezza e l'insalvezza.

La vigilanza spirituale (intellettuale) è sviluppata mettendo a fuoco:

  • Nelle tenebre ((l'oscurità della passione e dell'oscurità del pensiero (concetti
  • Sul Ustrojach adottivo, ((creature di regimi corrotti. Prendono il desiderio, lo sguardo, la giustizia e la disciplina, e parlano di se stessi.)
  • Su Przyrodzeniach e le loro relazioni, ((occhi, orecchie, naso, lingua, corpo, pensiero, immagine, suono, olfatto, gusto, tatto, parola e tutto ciò che si associa a loro.
10. l'oscurità della passione e dell'oscurità del pensiero (concetti
  • Sul Ustrojach adottivo, ((creature di regimi corrotti. Prendono il desiderio, lo sguardo, la giustizia e la disciplina, e parlano di se stessi.)
  • Su Przyrodzeniach e le loro relazioni, ((occhi, orecchie, naso, lingua, corpo, pensiero, immagine, suono, olfatto, gusto, tatto, parola e tutto ciò che si associa a loro.
  • Sulla comprensione rami, 8)un ramo di chiara comprensione: la memoria (sobrietà), la separazione delle parole, zelo, Beano, agilità, rapimento, indifferenza. UN ramo di comprensione è denominato una conoscenza alta dello stimolante per capire. La comprensione è la cognizione della parola, e il ramo è un'espressione parziale di esso. (Questa è una spiegazione presa da MDo sngags Kyi Gzhung Chen mo'i tshig mdzod RIS Med mKhas PA ' RDO zhal Lung, ed. BOD Gzhung shes rig pa ' RDO Khang, Delhi 2005, S. 484).
  • Sulle quattro verità alte. (Tormento, fonte, stop e via o altro: sofferenza, inizio, arresto, e via. I fatti della vita: c'è sofferenza (tristezza); è il suo inizio e la sua fine; C'è una strada che porta a tal fine.)
  •  

    La vigilanza inoltre è sviluppata negli insegnamenti eccezionali di Buddhism tibetano, quale un comportamento sano ((Skt. Vajrayāna, RDO rje theg pa, Dim. Mer-tib. Dordzie Tekpa) e un grande adempimento ((tib. Rdzogs chen, Dim. Mer-tib. Dzokcien, o rdzogs pa chen po, Dim. Dzokpa Cienpo), ma questo è solo un ponte o un preludio alla corretta azione spirituale. Insegnamenti simili sono presenti anche nel Buddismo di Bon, che ha le sue origini probabilmente nei giorni prima della nascita del Buddha Shakyamuni.

    L'istruzione di sei lampade con un grande compimento nel Bon Rite dire che

    "La mente auto-cosciente è senza immagine, e la forma pittorica di vigilanza è una forza di coscienza.

    Assomiglia ad un arcobaleno dipinto nel cielo.

    Assomiglia ad un rotolo aperto di scintillio.

    Ricorda le riflessioni che compaiono nello specchio (scritto da Nanksiera Lopo (SNang bzher LOD po, CA. VII W.) Dalla rivelazione di TAPI Hrycy (TA pi HRI TSA) in RDzogs PA Chen dopo Zhang zhung snyan rGyud Las sgron ha droga GI gdams PA in "bande ti se Bon gzhung rig mdzod DPE tshogs/deb NYer bZhi BA/rDzogs Chen snyan rGyud BKA ' rGyud Skor bZhi ' , Amdo 2009, p. 296

    11. creature di regimi corrotti. Prendono il desiderio, lo sguardo, la giustizia e la disciplina, e parlano di se stessi.)
  • Su Przyrodzeniach e le loro relazioni, ((occhi, orecchie, naso, lingua, corpo, pensiero, immagine, suono, olfatto, gusto, tatto, parola e tutto ciò che si associa a loro.
  • Sulla comprensione rami, 8)un ramo di chiara comprensione: la memoria (sobrietà), la separazione delle parole, zelo, Beano, agilità, rapimento, indifferenza. UN ramo di comprensione è denominato una conoscenza alta dello stimolante per capire. La comprensione è la cognizione della parola, e il ramo è un'espressione parziale di esso. (Questa è una spiegazione presa da MDo sngags Kyi Gzhung Chen mo'i tshig mdzod RIS Med mKhas PA ' RDO zhal Lung, ed. BOD Gzhung shes rig pa ' RDO Khang, Delhi 2005, S. 484).
  • Sulle quattro verità alte. (Tormento, fonte, stop e via o altro: sofferenza, inizio, arresto, e via. I fatti della vita: c'è sofferenza (tristezza); è il suo inizio e la sua fine; C'è una strada che porta a tal fine.)
  •  

    La vigilanza inoltre è sviluppata negli insegnamenti eccezionali di Buddhism tibetano, quale un comportamento sano ((Skt. Vajrayāna, RDO rje theg pa, Dim. Mer-tib. Dordzie Tekpa) e un grande adempimento ((tib. Rdzogs chen, Dim. Mer-tib. Dzokcien, o rdzogs pa chen po, Dim. Dzokpa Cienpo), ma questo è solo un ponte o un preludio alla corretta azione spirituale. Insegnamenti simili sono presenti anche nel Buddismo di Bon, che ha le sue origini probabilmente nei giorni prima della nascita del Buddha Shakyamuni.

    L'istruzione di sei lampade con un grande compimento nel Bon Rite dire che

    "La mente auto-cosciente è senza immagine, e la forma pittorica di vigilanza è una forza di coscienza.

    Assomiglia ad un arcobaleno dipinto nel cielo.

    Assomiglia ad un rotolo aperto di scintillio.

    Ricorda le riflessioni che compaiono nello specchio (scritto da Nanksiera Lopo (SNang bzher LOD po, CA. VII W.) Dalla rivelazione di TAPI Hrycy (TA pi HRI TSA) in RDzogs PA Chen dopo Zhang zhung snyan rGyud Las sgron ha droga GI gdams PA in "bande ti se Bon gzhung rig mdzod DPE tshogs/deb NYer bZhi BA/rDzogs Chen snyan rGyud BKA ' rGyud Skor bZhi ' , Amdo 2009, p. 296. "

     

    Negli insegnamenti spirituali del grande adempimento della vigilanza si presenta come una sorta di immagine o modello, cioè un oggetto su cui si può focalizzare l'attenzione, mentre la stessa mente rimane inimmaginabile, sfuggente. Nel spiegare a questo ((scritto da Nanksiera Lopo (SNang bzher LOD po, CA. VII W.) Dalla rivelazione di TAPI HryXIV in.?) E si trova in RDzogs PA Chen dopo Zhang zhung snyan rGyud Las sgron ma'i ' Grel BA Nyi ' da rgyan in "Gangs ti se Bon gzhung rig mdzod DPE tshogs/deb NYer bZhi BA/rDzogs Chen snyan rGyud BKA ' rGyud Skor bZhi", Amdo 2009, S. 296

    Lascia un commento