Seleziona una pagina

"Lo scopo della contemplazione è vero."
Aristotele (Metaphysica II, 1:993B20)

"Tu conosci la verità, e la verità ti libera."
Gesù (Vangelo secondo San Giovanni 8,32)

 

La contemplazione è una sorta di meditazione così unica che spesso la separa chiaramente dalla meditazione e la enfatizza come qualcosa di separato. In un tal caso, è detto solitamente della concentrazione, della meditazione e della contemplazione come atti separati (per esempio, Richard da St Joseph). Viktor si distingue per contemplazione (contemplatio), pensando (meditatio) e capire (Cogitatio). A. 3, p. 1. Egli dice questo: "la contemplazione è l'occhio perspicace e libero dello spirito nelle cose conosce; Pensare è agli occhi dello spirito che si occupa della ricerca della verità; Capire questa è una ricerca della verità senza venire a nulla. A. 3, pag. 12.)).

Tuttavia, è Impossibile nascondere che sia la concentrazione e la contemplazione sono due diversi tipi di meditazione. La concentrazione è una meditazione sintetica, e la meditazione contemplazione-analitica. Contemplazione significa guardare, guardare, svegliarsi. Questa parola deriva dal latino contemplatio. Il termine latino era originariamente per guardare il volo degli uccelli per leggere da loro il corso del loro destino (cfr. Andrzej Bańkowski, dizionario etimologico della lingua polacca: A-K, proprie, Warszawa 2000, p. 786)). È possibile che in seguito anche interessato la visualizzazione di eventuali segni o rimorchi per trovare una spiegazione in vari eventi della vita 1)alcune persone confrontare la parola latina contemplatio con il greco Theoria che originariamente significava in Pitagora ' scritti. (vedere con attenzione).) Negli scritti di Cicerone (106-43 R. PRZ. N. Chr.) La parola contemplatio ha già il significato di sguardi, guardare, osservare, ricercare. Negli scrittori latini successivi (II-VI W. Dopo N. Chr.) Significa anche considerazione, attenzione, considerazione 2)cfr. Dizionario di Harpers ' Latin, New York 1879, S. 445.

Il significato della contemplazione è stato più ampliato con lo stato cristiano del cristianesimo. Ha cominciato a significare l'apice della vita spirituale – una preghiera in cui l'anima si connette direttamente con Dio – una sorta di comunione speciale.

Nel pensiero buddista, l'espressione della contemplazione Contemplazione) è usato in significati diversi. 3)gli usi multipli della parola sono comparso gradualmente, con il periodo di Buddhism che raggiunge l'ovest. È diventato molto comune nel discorso colloquiale ed ha sostituito molte parole specifiche, come pensare (tib. Sgom PA, Skt. bhāvanā), avendo ripensamenti ( bSAM Gtan, Skt. Dhyāna), delizia (il Ting ESN ' dzin, Skt. Samādhi), 4)la parola anche tradotta come assorbita. Può essere inteso come un focus, un think. Pensare (tib. bSAM PA, Skt. Cintā), Image (tib. Dmigs PA, 5)anche Focus. Skt. Ālambana?), saldo (tib. Mnyam bzhag, Skt. Samāhita), Spoczęcie ( COG bzhag), standby ( Lhag Mthong, Skt. vipaśyanā), (vedere LTA BA, Skt. Darśana), Vision (tib. Mthong BA, Skt. Darśana? Paśyat?), coscienza (tib. Rig PA, Skt. Vidya), stato normale/naturale ( Alette Gnas), ecc.

 

La contemplazione può essere in molti modi

 

Vale la pena di discutere i due significati della contemplazione avanti. Il primo è la vigilanza, e l'altro è guardare o vedere (compreso il pensiero, l'immagine). La vigilanza è già stata discussa in un lavoro separato, chiamato Vipassana: vigilanza buddista. In questo senso di contemplazione si intende l'attenzione, la presenza, la prudenza e la sensibilità verso ciò che sta accadendo. Mentre guardando, potremmo dividere in deliberata (faticoso) e soprannaturale (NIEUSILNE). DeLiberatamente, a sua volta, potrebbe essere divisa nel mondo e nel cielo. e soprannaturale a guardare le immagini e per niente. (Questi termini sono derivati dal lavoro corrente dell'autore. Essi sono destinati a servire come riassunti e le descrizioni delle azioni relative buddista.)

Contemplazione

DeLiberatamente guardare il mondo è anche pensare alla morte, alla decomposizione del corpo, alla fragilità del mondo, ai valori della vita umana, alla bellezza, alla ricchezza delle virtù. Questi diversi indizi di pensiero, posiłkując immaginazione. L'obiettivo qui è quello di spostare il cuore dello studente e sterzare sulla strada giusta. È lo sviluppo della fantasia in verità-convincente sulla natura della realtà, al fine di cercare in seguito la salvezza. Il fedele stesso sviluppa diverse idee qui per acquisire comprensione. DeLiberatamente guardando il cielo è immaginare le varie forme di Santi, dei, Goddessess, 6)capire: Angeli, anielic. palazzi, giardini paradiso, la distribuzione e la ricezione di luci, raggi, piogge, życiodajnych succhi di frutta, ecc Questi pensieri tendono a essere chiamati estasi o estasi ( Ting ESN ' dzin, Skt. Samādhi). Fra loro sono inoltre i sensi di lavoro, in cui le percezioni prendono una forma più elaborata-enorme nella loro portata ed allo stesso tempo dettagliato. Questo genere di pensiero complesso e elaborato è uno dei gradi di formazione (formazione/sviluppo; Bskyed RIM, Skt. Utpattikrama). Si tratta di un tipo più elevato di contemplazione, dove non solo è Dio a guardare, ma è visto come Dio. Tuttavia, anche e qui si sviluppa lo sguardo basato sulle proprie capacità, dal potere dell'immaginazione, anche se non senza l'aiuto della grazia. Succede anche che le fantasie sono create solo all'inizio mentalmente o sensualmente, e più tardi assumono una forma soprannaturale e appaiono in modo spirituale, senza sforzo e con la partecipazione della propria immaginazione o sensualità.

Questo è dove l'aspetto soprannaturale, che in realtà sta già cercando o contemplando nel senso puro della parola. È cercando soprannaturale può essere diretto a immagini sia per niente. In entrambi i casi, è significativo sentire la presenza divina. Quando si guardano le immagini, questo sentimento è accompagnato da una varietà di punti di vista. Tuttavia, essi sono spontanei, che appaiono in modo soprannaturale, non dalla volontà del credente o attraverso il suo sforzo, ma come una grazia dall'alto. Guardare nulla non è una visione, ma anche qui viene la sensazione di presenza divina attraverso la straordinaria cognizione luminosa. A questo punto si illuminò è pensato. Non ci sono immagini, colori, o qualcosa di speciale, ma l'aspetto sembra non guardare, il veggente vede non vedere. I sensi sono abbagliati dalla luce con un alto e puro contatto personale dello spirito. Nonostante la mancanza di immagini, lo spirito è immaginato dalla forza e dalla luce della cognizione.

Un esempio di uno sguardo intenzionale celeste dalla raccolta della più alta legge della vita (Giorgia dbang mchog ' DUS):8)nome completo: Giorgia dbang mchog ' DUS tshe'i sgrub gzhung bya ri ma, ed. SOG SDE SPrul SKU bsTan PA ' RDO Nyi ma, Chengdu 1999?, S. 71-78. Traduzione della lingua tibetana. Questa scrittura deriva probabilmente dal settimo in.)

"In un momento penso a me stesso come ad un araldo spirituale della legge di vita con una faccia e due mani, un aspetto luce-bianco simile a otto anni giovane, tenendo una e una croce per onorare i segni; Odziewającym una mano di zszytym con il re degli uccelli, riposando con il piede destro rozpostartą e piegato a sinistra. Poi penso a un bianco e il mio seno. Mando raggi da a e rimuovere l'oscurità delle anime. Tornando, si fondono nella luce nell'incanto e trasformano la proprietà del tempo nella casa dei cieli. Medito nel suo re interiore di una vita sana con una, una faccia e due mani, con un aspetto luminoso-bianco, in una gonna tigre, poggia equilibrato sul sedile con croci rotanti. Medito su un cerchio della luna nel seno che ha modellato sulla parte anteriore. Penso che su di esso, circa un bianco e ruota al cuore giusto di una vita sana. Penso a come inviare i raggi da esso, invitando ragionevole wybawców dallo spazio, penetrando in me e sagomato. Penso che sto mandando loro e concentrando la brillantezza della vita di tutte le anime '. Tornando, essi sviluppano la mia vita, il merito e l'efficienza. Allora penso che sciogliere nella luce insieme al cerchio della luna scomparire all'interno del tempo della vita ".

 

Presentiamo inoltre le dichiarazioni di vari rappresentanti del pensiero cristiano e buddista.

 

Contemplazione nel pensiero cristiano

 

"Benedetti sono il cuore puro, perché vedranno Dio."

Gesù (Vangelo secondo San Matteo 5,8)

 

"La lampada corpo è il tuo occhio. Se il vostro occhio è sano, tutto il vostro corpo sarà illuminato. Ma se è malato, il tuo corpo sarà anche nelle tenebre "

Gesù (Vangelo secondo San Luca 11,34)

 

"Potrei dire che il Santo è colui il cui amore e desideri si oppongono a guardare a tutto ciò che non è Dio. Non essendo diffusa dalle immagini basse, il Santo ha gli occhi incentrati sul Santissimo splendore, che è Dio. In lui vede – per tutto è in Dio – anche fratelli, ruvido, allungando le mani błagalnie. Senza l'occhio che si strappa via da Dio, lo Spirito Santo si china sui fratelli Błagającymi. Contro il corpo, contro le ricchezze, contrariamente alla comodità dell'avventura sorge il suo ideale: servire. Santi-poveri? Limitato? Non. Egli è venuto per possedere la vera saggezza e la vera ricchezza. Così ha tutto. non si sente stanco. Se è vero che non cessa di creare, è anche vero che non cessa di nutrirsi. Se è vero che capisce il dolore del mondo, è anche vero che nutre la gioia del cielo. Dio è sazio, in Dio ha la sua gioia. È una creatura che pojęło il senso della vita. "

Jesus (Maria Valtorta, il poem del Dio-uomo III, 31, VOX domini, Katowice 2000, S. 172)

 

Secondo il caTechismo della Chiesa cattolica, la contemplazione è una concentrazione del cuore, sottoponendo tutto il proprio essere al tchnieniu dello Spirito Santo; Dimora nella casa del Signore, che noi stessi siamo; Stimolare la fede ad entrare nella presenza di colui che ci attende; Scaricate tutte le maschere e restituite il cuore al Signore amorevole, per dargli un dono che sarà purificato e trasformato (2711). In questo Catechismo troviamo anche espressioni di contemplazione come la visione di Uszczęśliwiająca (1028), il rapporto di amicizia, la ricerca dell'amore (2709), l'incontro (2710), la preghiera (2712), il modo più semplice di esprimere il mistero della preghiera, il dono, la grazia, il rapporto Patto 7)tukdam stabilito da Dio nel profondo del nostro essere, comunione (2713), il momento più intenso della preghiera (2714), lo sguardo della fede fissata in Gesù Cristo, l'attenzione a lui riservata, la regia della vista sui misteri della vita di Cristo (2715), Ascoltando la parola di Dio, obbedienza alla fede, accettazione incondizionata della parola di Dio da parte di un servo, amare l'aderenza del bambino (2716), il silenzio, il simbolo del mondo che sta arrivando, l'amore silenzioso (2717), l'Unione con la preghiera di Gesù (2718), la comunione d'amore Vita per molti (2719). La contemplazione nel senso cristiano è la ricezione della luce da Dio, che è spesso accompagnata da doni di segni come rivelazioni, visioni, estasi, fenomeni corporei straordinari, Stigmate, ecc. (Un pratico encyklpedya della Chiesa. M.-N. Tom XXVII-XXVIII, Warszawa 1912, p. 88.) Saint. Tommaso d'Aquino, parlando di lei come un atto di intelletto, parla di lei come "un semplice senso della verità" (simplex intuitio Veritatis). (Somma di Theological II, II, Q. 180, A. 3

 

"Anche se ho visto Dio faccia a faccia, però, mi ocaliłem la vita."

Jacob (Genesi 32,31)

 

"Ora vediamo come se in specchio, vagamente; Poi f[ujrzymy]accia a faccia. Ora ho conoscere in parte, e poi mi poznawał come mi era noto.

Saint. Paul (prima epistola ai Corinzi 13,12)

 

"Vedi Trinità, se Vedi l'amore."

Saint. Agostino (De Trinitate VIII, 8, 12)

 

"La contemplazione di Dio è promessa a noi come fine e coronamento di tutte le nostre azioni e come un adempimento eterno della felicità."

Saint. Agostino (De Trinitate I, 8: PL 42, 831. Stokowska, p. 96)

 

"Chi conduce la vita di un semplice mortale e usa i sensi del corpo non può vedere Dio. Allora può solo essere innalzato a quella visione quando in qualche modo muore per la vita presente: o completamente lasciando il corpo, o sospendere l'azione dei sensi corporei.

. Saint. Agostino (de Genesi ad litteram XII, 27: PL 34, 477)

 

"Chiunque abbia visto Dio sapeva quello che aveva visto non vedeva Dio, ma qualcosa per lui."

Pseudo-Dionigi il Areopagita (Epistola ad Gaium Monachum 1: PG 3, 1065)

 

"Pratica costantemente nella contemplazione mistica, rifiutare le sensazioni dei sensi e delle energie intellettuali, il tutto e percepito, e compreso, e tutti niebyty, e tutte le entità, in modo ażebyś in questa ignoranza totale è stato esaltato, nella misura È possibile avere l'unità con ciò che è al di sopra di ogni sostanza e al di là di ogni conoscenza.

Pseudo-Dionigi il Areopagita (tenebre Divine)

 

"Così la gerarchia è l'assimilazione a Dio e si uniscono con lui – per quanto possibile – perché Dio stesso ci guida in tutta la cognizione sacra e in ogni azione nabożnym. Fissandosi nella sua bellezza divina e identificandosi con lei, la gerarchia riceve, secondo la sua capacità, lo stigma della sua divinità e fa propri membri le immagini di Dio e gli specchi perfettamente trasparenti e impeccabili, pronti per Ad accettare lo splendore della luce Pierworodnej e dei raggi dei principati divini e, infine, la luminosità świątobliwie di Dio ".

Pseudo-Dionigi il Areopagita (circa la gerarchia celeste)

 

 

"Usiamo le immagini più oscure per far sorgere la causa di tutto e per guardare l'occhio ponadświatowymed e il tutto, e quello opposto all'altro, indivisibile e uguale nella causa di tutto."

Pseudo-Dionigi il Areopagita (nomi divini)

 

"Ricordando la testimonianza di Gesù – la luce del padre:" la vera luce dell'Illuminismo di ogni uomo che entra nel mondo "(Gv 1,9). Attraverso il quale abbiamo ricevuto l'accesso al padre ((1 tm 2,5; e ROM 5,2; EF 2,18; 3,12) – i principi di tutta la luce – alziamo gli occhi, per quanto possibile, verso la data tradizione dei padri della luce, che scorre dal più santo delle Scritture e – nella misura delle nostre forze – wejrzyjmy nelle gerarchie degli intelletti celesti, ci ha rivelato qui su un modo Simbolico e Anagogiczny. (Il termine "Anagoge" significa aumentare verso l'alto verso la contemplazione. E una volta che abbiamo assunto gli occhi intangibili e incontaminati del nostro intelletto, derivato dal padre Boskowładnego, il dono del primogenito e più della luce originale-attraverso il quale ci manifestiamo, in forme simboliche, il più felice Le gerarchie degli Angeli – lasciate levitare da lui ancora più in alto, al semplice raggio di luce stessa. "

Pseudo-Dionigi il Areopagita, circa la gerarchia celeste, cambio. Proprio dall'inglese)

 

"L'attenzione è l'inizio della contemplazione, o meglio la sua base. È attraverso di lei che Dio, wejrzawszy su di noi, si rivela alla mente.

Niceforo (in Filokalia)

 

"Vedete che Anthony, attraverso la vigilanza del cuore, è stato in grado di guardare Dio e diventare predittivo? In realtà, il creatore si rivela alla mente nel cuore, in primo luogo, come dice Giovanni Klimak, una sorta di fuoco purificante colui che ama, allora il tipo di luce che illumina la mente e fa a Dio ".

La vita di nostro padre, Sant'Antonio (in Filokalia)

 

"La vita Kontemplatywne consiste nell'amare tutto il cuore di Dio e del prossimo e sulla nutrizione in se stesso un anelito per il creatore."

Saint. Grzegorz Wielki (Homiliarum in Ezechiele profeta II, 2: PL 76, 953)

 

"La vita di Kontemplatywne, l'abbandono di prendersi cura di tutto, vuole vedere il volto del suo creatore calorosamente."

Saint. Grzegorz Wielki (Homiliarum in Ezechiele profeta II, 2: PL 76, 953)

 

"Kontemplatywne vita è una decorazione dell'anima."

Saint. Grzegorz Wielki (Homiliarum in Ezechiele profeta II, 2: PL 76, 953)

 

"La vita di Kontemplatywne comincia qui a venire alla perfezione nella patria celeste: per il fuoco dell'amore, che comincia a bruciare qui, alla vista di chi ama, Buchnie l'amore più grande verso di lui."

Saint. Grzegorz Wielki (Homiliarum in Ezechiele profeta II, 2: PL 76, 954)

 

"L'anima, cercando di contemplare Dio, è in una lotta: una volta che vince, quando nel pensiero e czuciu costa un po' di luce illimitata, piove di nuovo quando si sente una mancanza di costo."

Saint. Grzegorz Wielki (Homiliarum in Ezechiele profeta II, 2: PL 76, 955)

 

"Finché vivremo in questo corpo mortale, nessuno si sentirà mai come un grado di contemplazione, in modo che egli possa utkwić gli occhi del suo spirito nel cuore della luce infinita."

Saint. Grzegorz Wielki (Homiliarum in Ezechiele profeta II, 2: PL 76, 956)

 

"Kontemplatywne vita è più degno di amore e pieno di dolci. Rapisce l'anima e aleggia su di essa da solo, apre il cielo prima di esso e gli occhi della mente apre il mondo dello spirito ".

Saint. Grzegorz Wielki (Homiliarum in Ezechiele profeta II, 2: PL 76, 956)

 

"La contemplazione è la ricerca di questo prapoczątku, che è Dio."

Saint. Grzegorz Wielki (Moralia VI, 37: PL 75, 764)

 

"La bellezza e il colore dei dipinti stanno stimolando la mia preghiera. È una festa per i miei occhi, poiché la visione della natura sta stimolando il mio cuore a dare gloria a Dio ".

Saint. Jan Damasceno (de sacris imaginibus Orationes 1, 27: PG 94, 1268 B)

"Lasciate che nessuna autorità vi onieśmiela né non vi condurrà da ciò che vi permette di comprendere la persuasione ottenuta con la giusta contemplazione della ragione. Infatti, l'autorità non si oppone alla ragione giusta, né può mai contraddire la vera autorità. Uno e l'altro vengono senza dubbio dalla stessa fonte, che è la saggezza di Dio ".

Jan Scotsman Eriugena (I, PL 122, es. 511B, cambio. Dal pubblico di Benedetto XVI, 10.06.2009, alla Polonia: O. John ascelle OSPPE)

 

"L'essere reale e supremo è l'intelletto uszczegółowiony la contemplazione della verità."

Jan Scotsman Eriugena (Periphyseon IV, 780 C, S. 177)

 

"La prima e più grande contemplazione è l'ammirazione della Maestà."

Saint. Bernard (de considerazione V, 14: PL 182, 806)

 

"La prima contemplazione consiste nell'ammirare la Maestà; L'altro è l'oggetto del giudizio di Dio; UN terzo dei suoi favori; Quarto delle sue promesse.

Saint. Bernard (de considerazione V, 14: PL 182, 806)

 

"L'anima impregnata di fede con la grande anticipazione si aspetta la presenza di Dio, relishesing i pensieri del cielo, e fino a quando la grazia di" guardare faccia a faccia "è stata fatta, si vanta l'umiliazione della Croce".

Saint. Bernardo di Chiaravalle (O amorevole di Dio, tramandato. S. Vitek socialista in "O amare di Dio e di altri trattati", Poznań 2000)

 

"Vedi la terra per conoscere te stesso! Lei ti dirà chi sei-sei polvere e polvere ruotare (cf. Gen 3, 19) ".

Saint. Bernardo di Chiaravalle (circa dodici gradi di orgoglio 28)

 

"Le due mura sono nel monastero: attivo e contemplativo, Maria e Marta, interiore ed esteriore."

Saint. Bernardo di Chiaravalle (prima serie operativa 18)

 

Secondo Richard di St. La contemplazione di Victor è "uno sguardo profondo e puro dell'anima nei miracoli della saggezza, Uniti con stupore Beato e ammirazione." Benjamin Maior (1, 4: PL 196, 67, tradotto dal pubblico di Papa Benedetto XVI, 25 novembre 2009). Victor distingue sei specie di contemplazione (de gratia contemplationis I, 6: PL 196, 70):

  1. Nell'immaginazione pura (consistendo dell'osservanza attenta delle cose corporee)
  2. Nella fantasia con il coinvolgimento della ragione (che consiste nel considerare l'ordine e le attrezzature delle cose postrzegalnych)
  3. Capisce nella complicità dell'immaginazione (quando, osservando le cose visibili, siamo fino al mondo invisibile)
  4. Nello stesso capisce solo e in un puramente disaccordo (quando lo spirito si occupa di cose invisibili che sono fuori dalla portata della fantasia)
  5. Riguardo a ciò che è al di sopra della ragione (quando, grazie alla rivelazione di Dio, sappiamo quale ragione umana non possiamo comprendere)
  6. Per quanto riguarda ciò che è al di sopra e al di là della ragione (con l'Illuminismo di Dio sappiamo quello che sembra essere contrario alla ragione umana, ad esempio. Ciò che è detto circa il mistero della Trinità) 9)s. Tommaso d'Aquino osserva che solo l'ultima specie sembra riguardare la verità di Dio. E così la contemplazione, secondo lui, si riferisce non solo alla verità di Dio, ma anche a ciò che è nelle creature. Cfr. Vari modi di sviluppare la vigilanza di cui il Buddha, dato nel mio lavoro Vipassana: vigilanza buddista. Alla fine, l'ultimo oggetto di attenzione dato dal Buddha è le quattro verità sublimi.)

 

"Cerca di lettura e troverete meditando; Bussare pregare, e sarà aperto a voi attraverso la contemplazione ".

Guigo Kartuzy (scala claustralium; PL 184, 476 C)

 

"La vita del Kontemplatywne finisce nelle gioie della volontà, e questo piacere porta alla maggiore intensità dell'amore."

Saint. Tomasz di Tommaso d'Aquino (Summa theological II, II, Q. 180, A. 1

 

"Dove" lo spirito dell'uomo spirituale è ponadzmysłowemu in questo modo. Il potere di una divinità meravigliosa vola ad altezze inFinite, fluttua di nuovo sopra la profondità senza fondo. Tuttavia, in questo rozkoszowaniu dell'altrettanto eterno e potente, che sono in sé e anche in uscita, lo spirito mantiene la sua natura ed è liberato da tutte le obscurationss e azioni derivate dalle cose inferiori, contempla cose strane Dio. Perché quello che può essere un miracolo più grande di una semplice unità, che è immerso nella sua semplicità dalla Trinità delle persone, e tutta la molteplicità cessa di essere una molteplicità?

Benedetto. Henryk Suzo (vita, la folla. W. Simon OP, Poznan 1990)

 

"Costruisci costantemente il suo cuore alla contemplazione nascosta divina, avermi costantemente davanti ai miei occhi, e non girare mai il mio sguardo da me. Questa contemplazione dovrebbe essere anche l'obiettivo di altri esercizi, come la povertà, la posta, la veglia e tutte le altre mortificazioni. Praticarli solo per quanto ti aiutano nella vostra ricerca per esso. In questo modo, si arriva alla più alta perfezione, che non raggiunge nemmeno uno su mille, e questo perché, vedendo in questi altri esercizi lo stesso obiettivo, vagano per molti anni.

Benedetto. Henryk Suzo (il libro della saggezza eterna, la folla. W. Simon OP, Poznan 1983)

 

"Servo: Signore, che può sopportare costantemente nella contemplazione della vostra presenza divina? Saggezza eterna: nessuno dei viventi nel tempo. Vi è stato detto solo per sapere dove si sta andando, ciò che lo scopo del vostro vagabondaggio dovrebbe essere, in modo che il vostro cuore e la mente dovrebbe essere guidato. E quando si è privati di questa contemplazione, si dovrebbe sentire come se la vostra felicità eterna è stato portato via, e si deve tornare al più presto possibile per tornare indietro e poi si deve diligentemente vegliare su di te. Quando non lo avete, siete come un barcaiolo, che tra i rozszalałych di pupazzi di neve cadde dalle mani di una pagaia e non sapeva dove fare riferimento. E se non potete continuare ad essere ancora nella contemplazione, frequenti ricadute verso voi stessi e la remissione del paziente, vi conducono a una tale Costanza come è possibile ".

Benedetto. Henryk Suzo (il libro della saggezza eterna, la folla. W. Simon OP, Poznan 1983)

 

"Guarda, sono così deliziosamente przystr[Mądrość Przedwieczna]ojona in indumento radiante, sono così fortunatamente circondato da fiori freschi pieni di tonalità tysiącznych, Rose viola, gigli di perle, Violette belle e tutti gli altri tipi di fiori che Fiori Najcudniejsze maggio, un'erba di tutte le membrane di luce allagata e delicati fiori najbujniejszych LANs, rispetto al mio fascino sono come Cardo comune.

Benedetto. Henryk Suzo (il libro della saggezza eterna, la folla. W. Simon OP, Poznan 1983)

 

"Guardando i misteri di Dio, parlò sussurri di pensiero, pieni di mistero e di contenuto profondo."

Raimondo di Capua, vita di Santa Caterina da Siena 16, 184, a proposito, Poznan 2010

 

"Diffidate di certi che la mia anima guardando l'essenza di Dio, e questo è il motivo per cui è difficile per me rimanere in questa prigione di carne."

Raimondo di Capua, vita di Santa Caterina da Siena 16, 215, a proposito, Poznan 2010

 

"La contemplazione del pensiero non è, a mio parere, come un profondo rapporto di amicizia, in cui si parla solo con Dio, convinto che egli ci ama".

Saint. Teresa di Gesù (libro de la Vida, 8)

 

"Sono sicuro che coloro che non si fermano nel cammino non saranno mai privati di un'acqua vivente di contemplazione".

Saint. Teresa di Gesù (dopo la traduzione in Giovanni Paolo II, virtutis exemplum et ma, lettera apostolica di 14 Październia 1981)

 

"Nawykajcie per guardare Cristo. Nawyknijcie per questo! Colui che lavorerà su di esso, si acquisisce il miglior maestro. Io non vi chiedo di essere grande su di lui meditazioni o espirazione lavoro della ragione, né per ottenere un bel pensiero e sentimento-ho solo vi chiedo di guardarlo.

Saint. Teresa di Jesus (diario dell'anima)

 

"Si può sopportare la vista delle cose brutte, non miałybyście a guardare la cosa più bella la nostra mente presenta? Zważcie che egli non chiede nulla più di noi, e in qualsiasi momento, se volete, lo troverete. E così egli vuole che noi siamo guardati, che egli non abbandona alcuno sforzo.

Saint. Teresa di Jesus (diario dell'anima)

 

"Più è quello di guardare la sua presenza di pronunciare una parola. Se preghi con le tue labbra, io so e sento che sto parlando a Dio, e più grande è la presenza divina della sua attenzione allegata che alle parole che io pronuncio, poi mi unisco alla preghiera interiore con l'orale ".

Saint. Teresa di Jesus (diario dell'anima)

 

"La contemplazione è un'abilità d'amore, cioè un amore versante della conoscenza di Dio".

Saint. Giovanni della Croce

 

"Queste considerazioni, forme e modi di pensare sono necessarie… Per moltiplicare nell'amore e per rafforzare l'anima attraverso i sensi. Dobbiamo passare tutti i gradi di considerazione, forme e concetti, per venire all'Unione, il riposo e il bene supremo ".

Saint. Giovanni della Croce (la via per il Monte Carmelo II, 12, 5)

 

"Si dovrebbe imparare a rispettare la mente d'amore di Dio, con la pace totale della mente, anche se sembrava di non fare nulla. Allora è in breve tempo penetra la vostra anima divina riposare insieme con una cognizione meravigliosa e nobile di Dio ".

Saint. Giovanni della Croce (la via per il Monte Carmelo II, 15, 5)

 

La purificazione dei sensi è solo il gateway e l'inizio della contemplazione per lo spirito.

Saint. Giovanni della Croce (notte oscura II, 2, 1)

 

"La luce divina della contemplazione, poiché penetra nell'anima, che non è ancora sufficientemente illuminata, la rende un'oscurità spirituale. Non solo supera la misura della sua capacità, ma anche lo oscura e lo priva dell'uso dell'intelligenza naturale. Per queste ragioni, St. Dionigi (pseudo-Dionigi il Areopagita: de mystica Theologia, C. L, § l; Migne PG 3, 999) e altri teologi mistici chiamano la contemplazione dei raggi delle tenebre. Si riferisce all'anima non ancora purificata, e non finalmente illuminata, in cui la sua eccessiva luce soprannaturale conquista e distrugge le sue forze naturali di ragionamento ".

Saint. Giovanni della Croce (notte oscura II, 5, 3)

 

"Nella preghiera della contemplazione l'anima continua alla presenza di Dio. Egli accetta ciò che Dio vuole darle. Non fa nulla, non fa alcuno sforzo. L'ispirazione le permette di scoprire tutto quello che cerca, e anche molto di più. "

Wincenty a Paulo (SVP IX, 385)

 

"Versare contemplativo è una semplice e amorevole vista per Dio, gli occhi in cui l'anima, attraverso l'ammirazione e l'amore felice, incontra Dio nella sperimentazione, e in profonda pace gode l'inizio della felicità eterna."

Un. René de Maumigny SJ

 

"Guarda in lui, e lui mi fissava."

Abitante di Ars (a Giovanni Maria Vianney; CaTechismo della Chiesa cattolica 2715)

 

"La vera e pura teologia è contemplare me il tuo Dio, amare l'umanità."

La parola di Dio a Vassula Ryden (la vera vita in Dio 95:15.10.98)

 

Contemplazione nel pensiero buddista

 

"La contemplazione o la presenza in uno stato naturale è una pratica fondamentale di dzokczen."

Jongzin Tenzin Namdak Rinpoche (gli insegnamenti di Dzogchen Bonpo)

 

"Il meglio che sappiamo sulla contemplazione, più forte è il potere. Diventiamo più calmi e l'emersione di pochi ostacoli. La presenza di stato naturale limita il potere della passione, e noi manifestujemy le proprietà positive. Veniamo a capire che i fenomeni esterni non sono reali e che non possiedono alcuna natura inerente. Se capiamo questo, saremo meno attaccati agli oggetti e sarà più facile per noi controllare le passioni. "

Jongzin Tenzin Namdak Rinpoche (gli insegnamenti di Dzogchen Bonpo. Parte e pratico)

 

"Ma quando siamo nella contemplazione, in uno stato naturale, non facciamo alcuna ricerca o sperimentazione, perché è l'azione della mente. Ognuno di noi ha bisogno di avere una propria esperienza personale. Guardate nella nostra mente e guardiamo al pensiero, che poi si dissolve. Si è verificato o no? Troviamo questo divario tra i pensieri? Se vogliamo realizzare una condizione naturale per un po', allora nessuna descrizione specifica dello stato di calma o di movimento di pensiero è necessaria. C'è solo questa presenza, indipendentemente dal fatto che vi sia pace o movimento. Questo è irrilevante.

Jongzin Tenzin Namdak Rinpoche (gli insegnamenti di Dzogchen Bonpo. Parte e pratico)

 

"In Dzogchen, si dice che quando siamo nella contemplazione, dobbiamo liberare tutti i pensieri che sorgono, perché altrimenti disturberanno lo stato naturale".

Jongzin Tenzin Namdak Rinpoche (gli insegnamenti di Dzogchen Bonpo. Parte II pratico)

 

"Come facciamo a rimanere nella contemplazione? Abbiamo appena soggiorno in questo stato come se fossimo un bambino che sta giocando felicemente. Se il vostro bambino sta giocando a modo suo, gli lasciamo fare quello che vuole. Non giocare in conformità con il piano sviluppato; Tutto quello che fa è automatico e spontaneo. (…) Se riconosciamo lo stato naturale una volta, rimaniamo solo in questo stato, senza cambiare o afferrare nulla. Abbiamo appena lasciato così com'è.

Jongzin Tenzin Namdak Rinpoche (gli insegnamenti di Dzogchen Bonpo. Parte II pratico)

"Per contemplare tutti i pensieri dyskursywnym, sia buoni o cattivi, dovrebbe essere consentito di Samowyzwolenie".

Jongzin Tenzin Namdak Rinpoche (gli insegnamenti di Dzogchen Bonpo. Parte II pratico)

 

"Dobbiamo combinare uno stato di pura, mente nonduale, scoperto e sviluppato attraverso la contemplazione, con ogni situazione e ogni momento della nostra vita quotidiana ordinaria."

Tenzin Wangyal Rinpoche (i miracoli della mente naturale, Verbum, Katowice)

 

"La pratica della concentrazione non è ancora contemplativa, ma attraverso lo sviluppo della concentrazione possiamo imparare lo stato naturale della mente e raggiungere la capacità di riposare in uno stato di coscienza, che è un'introduzione alla pratica della contemplazione."

Tenzin Wangyal Rinpoche (i miracoli della mente naturale, Verbum, Katowice)

"Nella pratica della concentrazione, abbiamo ancora a che fare con la dualità tra il soggetto che si concentra (focalizzata sul soggetto) e l'oggetto di concentrazione (dove l'entità è focalizzata), e c'è ancora una dualità tra gli interni (consapevolezza All'interno della mente-corpo del meditatore) e ciò che è esterno (l'oggetto della meditazione). La contemplazione non ha più un soggetto o oggetto, si dice che assomiglia a "versare acqua nell'acqua".

Tenzin Wangyal Rinpoche (i miracoli della mente naturale, Verbum, Katowice)

"Il nostro rapporto con i pensieri emergenti è un aspetto chiave della contemplazione. Osservando la formazione, il riposo e la dissoluzione dei pensieri nella vacuità, vediamo la vera, vuota natura del pensiero: i pensieri costituiscono il movimento della mente e hanno la stessa natura della mente naturale, così come le onde hanno la stessa natura dell'acqua del mare. Quando emergono pensieri in uno stato di contemplazione, siamo consapevoli che nascono dalla vacuità e che la loro essenza è la natura della vacuità. Non siamo distratti da loro, ma li lasciamo andare, riposando in una contemplazione calma ".

Tenzin Wangyal Rinpoche (i miracoli della mente naturale, Verbum, Katowice)

 

"La contemplazione di Dzogchen è la coscienza, in uno stato al di là del pensiero, perché un concettuale, presentando la mente che è abituato a mantenere l'attenzione della mente attraverso la produzione continua di pensiero, è a riposo. Concettualmente, la mente pensiero spinge un praticante da uno stato rilassato di contemplazione in tensione, e di conseguenza è difficile per lui rimanere rilassato in uno stato di contemplazione ".

Tenzin Wangyal Rinpoche (i miracoli della mente naturale, Verbum, Katowice)

 

"I pensieri sono il movimento della mente e sono della stessa natura della mente naturale, così come le onde sono la stessa natura acquosa del mare. Quando i pensieri sorgono durante lo stato di contemplazione, siamo consapevoli che essi nascono dalla vacuità e che la loro essenza è la natura della vacuità. Non siamo distratti da loro, ma li lasciamo rimanere in un equilibrio di contemplazione ".

Tenzin Wangyal Rinpoche (trascrizioni di Facebook)

 

"Lo stato della contemplazione o della presenza rappresenta un totale rilassamento."

Namkhai Norbu Rinpoche (yoga sogno tibetano e pratica luce naturale)

 

"La contemplazione è la pratica principale di Dzogczie[praktykujący]n, in cui rimane costantemente nello stato di sé. In questo stato è al di là di tutti i concetti di un mero livello di mente, eppure è pienamente consapevole dell'intelletto e della mente razionale. La contemplazione non è coinv[w nic]olgente, cerca di trovare esperienza di calma o di trasparenza, né cerca di evitare la distrazione. Quando c'è un pensiero nella contemplazione, non la sopprime o la segue; È spontaneamente liberato e sciolto. Questa pratica di liberazione di tutto ciò che emerge è introdotta dal Maestro Dzogczien quando si comunicano spiegazioni sulla natura della mente ".

Namkhai Norbu Rinpoche (yoga sogno tibetano e pratica luce naturale)

 

Il "percorso di Atijogi (Dzogchen) è il percorso di rigpa, non la mente. Pertanto, fin dall'inizio dobbiamo essere in uno stato di contemplazione. Anche se si imparano migliaia di metodi diversi, sono tutti secondari, solo per capire e sviluppare la saggezza. Non dovresti basarti sulle parole, ma sul vero significato. Al livello Dzogchen dovete conoscere il vero significato. Quando si scopre che in diversi tipi di esperienza e di manifestazione vi è un unico e unico stato di presenza, allora si potrà finalmente scoprire la natura niedualistyczną della realtà. Dzogchen è un famoso stato di contemplazione. Quando qualcuno capisce che cosa è la contemplazione, sa anche che cosa è il rilassamento. Questa non è una sorta di intenti o di impegno, come ad esempio "voglio rilassarmi". Questa regola è che qualsiasi tipo di tensione viene superata. Questo ti permette di rilassare tutto. Questo è un totale relax. Tuttavia, ciò non significa che i praticanti devono rilassarsi, ma che la natura della contemplazione è allentamento. Pertanto, Dzogchen è detto di essere senza sforzo, o non obbligare a fare nulla.

Namkhai Norbu Rinpoche, contemplazione

 

"Principio Dzogchen consiste in" non correggere nulla, non rimanere condizionati "e di essere in" ciò che è ". Ma molte persone lo interpretano erroneamente. Invece di essere rilassato nello stato attuale, si indulgere in pigrizia. Sembra a loro che, dal momento che praticano Dzogchen, non è ammissibile per loro di fare qualcosa.

Namkhai Norbu Rinpoche, integrazione

 

"Anche se il pensiero contemplativo può sorgere ed effettivamente sorgere, non è condizionato da loro. Essi sono liberatori da soli quando li lasciano come sono. Nella contemplazione la mente non si impegna in alcuno sforzo; Non c'è niente che devi fare o non fare. Ciò che è, semplicemente, è ciò che è, di per sé, perfetto.

Namkhai Norbu Rinpoche, cristallo e sentiero della luce

 

Alla fine della parola dell'antico clero tibetano,
Trenpy Namki (dran PA Nam mkha ', dei sette specchi 10) Me Long bdun PA)-sulla base della questione del monastero di Norbutse banale in Nepal. Traduzione della lingua tibetana.:

 

"Se stai cercando, non hai trovato nulla da guardare, lasciarsi andare e lasciare una coscienza cercando al tuo posto. (…) Se stai cercando, non hai trovato nulla che si dovrebbe meditare, lasciarsi andare e lasciare ora questo rozmyślającego a posto. (…) Se stai cercando, non hai trovato nulla per cosa agire, lasciare questo agire in atto ora ".

 

 

 

Guarda! … al suo posto

Jacob Szukalski

 

Przypisy   [ + ]

1. alcune persone confrontare la parola latina contemplatio con il greco Theoria che originariamente significava in Pitagora ' scritti. (vedere con attenzione).) Negli scritti di Cicerone (106-43 R. PRZ. N. Chr.) La parola contemplatio ha già il significato di sguardi, guardare, osservare, ricercare. Negli scrittori latini successivi (II-VI W. Dopo N. Chr.) Significa anche considerazione, attenzione, considerazione ((cfr. Dizionario di Harpers ' Latin, New York 1879, S. 445
2. cfr. Dizionario di Harpers ' Latin, New York 1879, S. 445.

Il significato della contemplazione è stato più ampliato con lo stato cristiano del cristianesimo. Ha cominciato a significare l'apice della vita spirituale – una preghiera in cui l'anima si connette direttamente con Dio – una sorta di comunione speciale.

Nel pensiero buddista, l'espressione della contemplazione Contemplazione) è usato in significati diversi. ((gli usi multipli della parola sono comparso gradualmente, con il periodo di Buddhism che raggiunge l'ovest.

3. gli usi multipli della parola sono comparso gradualmente, con il periodo di Buddhism che raggiunge l'ovest. È diventato molto comune nel discorso colloquiale ed ha sostituito molte parole specifiche, come pensare (tib. Sgom PA, Skt. bhāvanā), avendo ripensamenti ( bSAM Gtan, Skt. Dhyāna), delizia (il Ting ESN ' dzin, Skt. Samādhi), ((la parola anche tradotta come assorbita. Può essere inteso come un focus, un think.
4. la parola anche tradotta come assorbita. Può essere inteso come un focus, un think. Pensare (tib. bSAM PA, Skt. Cintā), Image (tib. Dmigs PA, ((anche Focus.
5. anche Focus. Skt. Ālambana?), saldo (tib. Mnyam bzhag, Skt. Samāhita), Spoczęcie ( COG bzhag), standby ( Lhag Mthong, Skt. vipaśyanā), (vedere LTA BA, Skt. Darśana), Vision (tib. Mthong BA, Skt. Darśana? Paśyat?), coscienza (tib. Rig PA, Skt. Vidya), stato normale/naturale ( Alette Gnas), ecc.

 

La contemplazione può essere in molti modi

 

Vale la pena di discutere i due significati della contemplazione avanti. Il primo è la vigilanza, e l'altro è guardare o vedere (compreso il pensiero, l'immagine). La vigilanza è già stata discussa in un lavoro separato, chiamato Vipassana: vigilanza buddista. In questo senso di contemplazione si intende l'attenzione, la presenza, la prudenza e la sensibilità verso ciò che sta accadendo. Mentre guardando, potremmo dividere in deliberata (faticoso) e soprannaturale (NIEUSILNE). DeLiberatamente, a sua volta, potrebbe essere divisa nel mondo e nel cielo. e soprannaturale a guardare le immagini e per niente. (Questi termini sono derivati dal lavoro corrente dell'autore. Essi sono destinati a servire come riassunti e le descrizioni delle azioni relative buddista.)

Contemplazione

DeLiberatamente guardare il mondo è anche pensare alla morte, alla decomposizione del corpo, alla fragilità del mondo, ai valori della vita umana, alla bellezza, alla ricchezza delle virtù. Questi diversi indizi di pensiero, posiłkując immaginazione. L'obiettivo qui è quello di spostare il cuore dello studente e sterzare sulla strada giusta. È lo sviluppo della fantasia in verità-convincente sulla natura della realtà, al fine di cercare in seguito la salvezza. Il fedele stesso sviluppa diverse idee qui per acquisire comprensione. DeLiberatamente guardando il cielo è immaginare le varie forme di Santi, dei, Goddessess, ((capire: Angeli, anielic.

6. capire: Angeli, anielic. palazzi, giardini paradiso, la distribuzione e la ricezione di luci, raggi, piogge, życiodajnych succhi di frutta, ecc Questi pensieri tendono a essere chiamati estasi o estasi ( Ting ESN ' dzin, Skt. Samādhi). Fra loro sono inoltre i sensi di lavoro, in cui le percezioni prendono una forma più elaborata-enorme nella loro portata ed allo stesso tempo dettagliato. Questo genere di pensiero complesso e elaborato è uno dei gradi di formazione (formazione/sviluppo; Bskyed RIM, Skt. Utpattikrama). Si tratta di un tipo più elevato di contemplazione, dove non solo è Dio a guardare, ma è visto come Dio. Tuttavia, anche e qui si sviluppa lo sguardo basato sulle proprie capacità, dal potere dell'immaginazione, anche se non senza l'aiuto della grazia. Succede anche che le fantasie sono create solo all'inizio mentalmente o sensualmente, e più tardi assumono una forma soprannaturale e appaiono in modo spirituale, senza sforzo e con la partecipazione della propria immaginazione o sensualità.

Questo è dove l'aspetto soprannaturale, che in realtà sta già cercando o contemplando nel senso puro della parola. È cercando soprannaturale può essere diretto a immagini sia per niente. In entrambi i casi, è significativo sentire la presenza divina. Quando si guardano le immagini, questo sentimento è accompagnato da una varietà di punti di vista. Tuttavia, essi sono spontanei, che appaiono in modo soprannaturale, non dalla volontà del credente o attraverso il suo sforzo, ma come una grazia dall'alto. Guardare nulla non è una visione, ma anche qui viene la sensazione di presenza divina attraverso la straordinaria cognizione luminosa. A questo punto si illuminò è pensato. Non ci sono immagini, colori, o qualcosa di speciale, ma l'aspetto sembra non guardare, il veggente vede non vedere. I sensi sono abbagliati dalla luce con un alto e puro contatto personale dello spirito. Nonostante la mancanza di immagini, lo spirito è immaginato dalla forza e dalla luce della cognizione.

Un esempio di uno sguardo intenzionale celeste dalla raccolta della più alta legge della vita (Giorgia dbang mchog ' DUS):((nome completo: Giorgia dbang mchog ' DUS tshe'i sgrub gzhung bya ri ma, ed. SOG SDE SPrul SKU bsTan PA ' RDO Nyi ma, Chengdu 1999?, S. 71-78. Traduzione della lingua tibetana. Questa scrittura deriva probabilmente dal settimo in.)

"In un momento penso a me stesso come ad un araldo spirituale della legge di vita con una faccia e due mani, un aspetto luce-bianco simile a otto anni giovane, tenendo una e una croce per onorare i segni; Odziewającym una mano di zszytym con il re degli uccelli, riposando con il piede destro rozpostartą e piegato a sinistra. Poi penso a un bianco e il mio seno. Mando raggi da a e rimuovere l'oscurità delle anime. Tornando, si fondono nella luce nell'incanto e trasformano la proprietà del tempo nella casa dei cieli. Medito nel suo re interiore di una vita sana con una, una faccia e due mani, con un aspetto luminoso-bianco, in una gonna tigre, poggia equilibrato sul sedile con croci rotanti. Medito su un cerchio della luna nel seno che ha modellato sulla parte anteriore. Penso che su di esso, circa un bianco e ruota al cuore giusto di una vita sana. Penso a come inviare i raggi da esso, invitando ragionevole wybawców dallo spazio, penetrando in me e sagomato. Penso che sto mandando loro e concentrando la brillantezza della vita di tutte le anime '. Tornando, essi sviluppano la mia vita, il merito e l'efficienza. Allora penso che sciogliere nella luce insieme al cerchio della luna scomparire all'interno del tempo della vita ".

 

Presentiamo inoltre le dichiarazioni di vari rappresentanti del pensiero cristiano e buddista.

 

Contemplazione nel pensiero cristiano

 

"Benedetti sono il cuore puro, perché vedranno Dio."

Gesù (Vangelo secondo San Matteo 5,8)

 

"La lampada corpo è il tuo occhio. Se il vostro occhio è sano, tutto il vostro corpo sarà illuminato. Ma se è malato, il tuo corpo sarà anche nelle tenebre "

Gesù (Vangelo secondo San Luca 11,34)

 

"Potrei dire che il Santo è colui il cui amore e desideri si oppongono a guardare a tutto ciò che non è Dio. Non essendo diffusa dalle immagini basse, il Santo ha gli occhi incentrati sul Santissimo splendore, che è Dio. In lui vede – per tutto è in Dio – anche fratelli, ruvido, allungando le mani błagalnie. Senza l'occhio che si strappa via da Dio, lo Spirito Santo si china sui fratelli Błagającymi. Contro il corpo, contro le ricchezze, contrariamente alla comodità dell'avventura sorge il suo ideale: servire. Santi-poveri? Limitato? Non. Egli è venuto per possedere la vera saggezza e la vera ricchezza. Così ha tutto. non si sente stanco. Se è vero che non cessa di creare, è anche vero che non cessa di nutrirsi. Se è vero che capisce il dolore del mondo, è anche vero che nutre la gioia del cielo. Dio è sazio, in Dio ha la sua gioia. È una creatura che pojęło il senso della vita. "

Jesus (Maria Valtorta, il poem del Dio-uomo III, 31, VOX domini, Katowice 2000, S. 172)

 

Secondo il caTechismo della Chiesa cattolica, la contemplazione è una concentrazione del cuore, sottoponendo tutto il proprio essere al tchnieniu dello Spirito Santo; Dimora nella casa del Signore, che noi stessi siamo; Stimolare la fede ad entrare nella presenza di colui che ci attende; Scaricate tutte le maschere e restituite il cuore al Signore amorevole, per dargli un dono che sarà purificato e trasformato (2711). In questo Catechismo troviamo anche espressioni di contemplazione come la visione di Uszczęśliwiająca (1028), il rapporto di amicizia, la ricerca dell'amore (2709), l'incontro (2710), la preghiera (2712), il modo più semplice di esprimere il mistero della preghiera, il dono, la grazia, il rapporto Patto ((tukdam

7. tukdam stabilito da Dio nel profondo del nostro essere, comunione (2713), il momento più intenso della preghiera (2714), lo sguardo della fede fissata in Gesù Cristo, l'attenzione a lui riservata, la regia della vista sui misteri della vita di Cristo (2715), Ascoltando la parola di Dio, obbedienza alla fede, accettazione incondizionata della parola di Dio da parte di un servo, amare l'aderenza del bambino (2716), il silenzio, il simbolo del mondo che sta arrivando, l'amore silenzioso (2717), l'Unione con la preghiera di Gesù (2718), la comunione d'amore Vita per molti (2719). La contemplazione nel senso cristiano è la ricezione della luce da Dio, che è spesso accompagnata da doni di segni come rivelazioni, visioni, estasi, fenomeni corporei straordinari, Stigmate, ecc. (Un pratico encyklpedya della Chiesa. M.-N. Tom XXVII-XXVIII, Warszawa 1912, p. 88.) Saint. Tommaso d'Aquino, parlando di lei come un atto di intelletto, parla di lei come "un semplice senso della verità" (simplex intuitio Veritatis). (Somma di Theological II, II, Q. 180, A. 3
8. nome completo: Giorgia dbang mchog ' DUS tshe'i sgrub gzhung bya ri ma, ed. SOG SDE SPrul SKU bsTan PA ' RDO Nyi ma, Chengdu 1999?, S. 71-78. Traduzione della lingua tibetana. Questa scrittura deriva probabilmente dal settimo in.)

"In un momento penso a me stesso come ad un araldo spirituale della legge di vita con una faccia e due mani, un aspetto luce-bianco simile a otto anni giovane, tenendo una e una croce per onorare i segni; Odziewającym una mano di zszytym con il re degli uccelli, riposando con il piede destro rozpostartą e piegato a sinistra. Poi penso a un bianco e il mio seno. Mando raggi da a e rimuovere l'oscurità delle anime. Tornando, si fondono nella luce nell'incanto e trasformano la proprietà del tempo nella casa dei cieli. Medito nel suo re interiore di una vita sana con una, una faccia e due mani, con un aspetto luminoso-bianco, in una gonna tigre, poggia equilibrato sul sedile con croci rotanti. Medito su un cerchio della luna nel seno che ha modellato sulla parte anteriore. Penso che su di esso, circa un bianco e ruota al cuore giusto di una vita sana. Penso a come inviare i raggi da esso, invitando ragionevole wybawców dallo spazio, penetrando in me e sagomato. Penso che sto mandando loro e concentrando la brillantezza della vita di tutte le anime '. Tornando, essi sviluppano la mia vita, il merito e l'efficienza. Allora penso che sciogliere nella luce insieme al cerchio della luna scomparire all'interno del tempo della vita ".

 

Presentiamo inoltre le dichiarazioni di vari rappresentanti del pensiero cristiano e buddista.

 

Contemplazione nel pensiero cristiano

 

"Benedetti sono il cuore puro, perché vedranno Dio."

Gesù (Vangelo secondo San Matteo 5,8)

 

"La lampada corpo è il tuo occhio. Se il vostro occhio è sano, tutto il vostro corpo sarà illuminato. Ma se è malato, il tuo corpo sarà anche nelle tenebre "

Gesù (Vangelo secondo San Luca 11,34)

 

"Potrei dire che il Santo è colui il cui amore e desideri si oppongono a guardare a tutto ciò che non è Dio. Non essendo diffusa dalle immagini basse, il Santo ha gli occhi incentrati sul Santissimo splendore, che è Dio. In lui vede – per tutto è in Dio – anche fratelli, ruvido, allungando le mani błagalnie. Senza l'occhio che si strappa via da Dio, lo Spirito Santo si china sui fratelli Błagającymi. Contro il corpo, contro le ricchezze, contrariamente alla comodità dell'avventura sorge il suo ideale: servire. Santi-poveri? Limitato? Non. Egli è venuto per possedere la vera saggezza e la vera ricchezza. Così ha tutto. non si sente stanco. Se è vero che non cessa di creare, è anche vero che non cessa di nutrirsi. Se è vero che capisce il dolore del mondo, è anche vero che nutre la gioia del cielo. Dio è sazio, in Dio ha la sua gioia. È una creatura che pojęło il senso della vita. "

Jesus (Maria Valtorta, il poem del Dio-uomo III, 31, VOX domini, Katowice 2000, S. 172)

 

Secondo il caTechismo della Chiesa cattolica, la contemplazione è una concentrazione del cuore, sottoponendo tutto il proprio essere al tchnieniu dello Spirito Santo; Dimora nella casa del Signore, che noi stessi siamo; Stimolare la fede ad entrare nella presenza di colui che ci attende; Scaricate tutte le maschere e restituite il cuore al Signore amorevole, per dargli un dono che sarà purificato e trasformato (2711). In questo Catechismo troviamo anche espressioni di contemplazione come la visione di Uszczęśliwiająca (1028), il rapporto di amicizia, la ricerca dell'amore (2709), l'incontro (2710), la preghiera (2712), il modo più semplice di esprimere il mistero della preghiera, il dono, la grazia, il rapporto Patto 7)tukdam stabilito da Dio nel profondo del nostro essere, comunione (2713), il momento più intenso della preghiera (2714), lo sguardo della fede fissata in Gesù Cristo, l'attenzione a lui riservata, la regia della vista sui misteri della vita di Cristo (2715), Ascoltando la parola di Dio, obbedienza alla fede, accettazione incondizionata della parola di Dio da parte di un servo, amare l'aderenza del bambino (2716), il silenzio, il simbolo del mondo che sta arrivando, l'amore silenzioso (2717), l'Unione con la preghiera di Gesù (2718), la comunione d'amore Vita per molti (2719). La contemplazione nel senso cristiano è la ricezione della luce da Dio, che è spesso accompagnata da doni di segni come rivelazioni, visioni, estasi, fenomeni corporei straordinari, Stigmate, ecc. (Un pratico encyklpedya della Chiesa. M.-N. Tom XXVII-XXVIII, Warszawa 1912, p. 88.) Saint. Tommaso d'Aquino, parlando di lei come un atto di intelletto, parla di lei come "un semplice senso della verità" (simplex intuitio Veritatis). (Somma di Theological II, II, Q. 180, A. 3

 

"Anche se ho visto Dio faccia a faccia, però, mi ocaliłem la vita."

Jacob (Genesi 32,31)

 

"Ora vediamo come se in specchio, vagamente; Poi f[ujrzymy]accia a faccia. Ora ho conoscere in parte, e poi mi poznawał come mi era noto.

Saint. Paul (prima epistola ai Corinzi 13,12)

 

"Vedi Trinità, se Vedi l'amore."

Saint. Agostino (De Trinitate VIII, 8, 12)

 

"La contemplazione di Dio è promessa a noi come fine e coronamento di tutte le nostre azioni e come un adempimento eterno della felicità."

Saint. Agostino (De Trinitate I, 8: PL 42, 831. Stokowska, p. 96)

 

"Chi conduce la vita di un semplice mortale e usa i sensi del corpo non può vedere Dio. Allora può solo essere innalzato a quella visione quando in qualche modo muore per la vita presente: o completamente lasciando il corpo, o sospendere l'azione dei sensi corporei.

. Saint. Agostino (de Genesi ad litteram XII, 27: PL 34, 477)

 

"Chiunque abbia visto Dio sapeva quello che aveva visto non vedeva Dio, ma qualcosa per lui."

Pseudo-Dionigi il Areopagita (Epistola ad Gaium Monachum 1: PG 3, 1065)

 

"Pratica costantemente nella contemplazione mistica, rifiutare le sensazioni dei sensi e delle energie intellettuali, il tutto e percepito, e compreso, e tutti niebyty, e tutte le entità, in modo ażebyś in questa ignoranza totale è stato esaltato, nella misura È possibile avere l'unità con ciò che è al di sopra di ogni sostanza e al di là di ogni conoscenza.

Pseudo-Dionigi il Areopagita (tenebre Divine)

 

"Così la gerarchia è l'assimilazione a Dio e si uniscono con lui – per quanto possibile – perché Dio stesso ci guida in tutta la cognizione sacra e in ogni azione nabożnym. Fissandosi nella sua bellezza divina e identificandosi con lei, la gerarchia riceve, secondo la sua capacità, lo stigma della sua divinità e fa propri membri le immagini di Dio e gli specchi perfettamente trasparenti e impeccabili, pronti per Ad accettare lo splendore della luce Pierworodnej e dei raggi dei principati divini e, infine, la luminosità świątobliwie di Dio ".

Pseudo-Dionigi il Areopagita (circa la gerarchia celeste)

 

 

"Usiamo le immagini più oscure per far sorgere la causa di tutto e per guardare l'occhio ponadświatowymed e il tutto, e quello opposto all'altro, indivisibile e uguale nella causa di tutto."

Pseudo-Dionigi il Areopagita (nomi divini)

 

"Ricordando la testimonianza di Gesù – la luce del padre:" la vera luce dell'Illuminismo di ogni uomo che entra nel mondo "(Gv 1,9). Attraverso il quale abbiamo ricevuto l'accesso al padre ((1 tm 2,5; e ROM 5,2; EF 2,18; 3,12) – i principi di tutta la luce – alziamo gli occhi, per quanto possibile, verso la data tradizione dei padri della luce, che scorre dal più santo delle Scritture e – nella misura delle nostre forze – wejrzyjmy nelle gerarchie degli intelletti celesti, ci ha rivelato qui su un modo Simbolico e Anagogiczny. (Il termine "Anagoge" significa aumentare verso l'alto verso la contemplazione.

9. s. Tommaso d'Aquino osserva che solo l'ultima specie sembra riguardare la verità di Dio. E così la contemplazione, secondo lui, si riferisce non solo alla verità di Dio, ma anche a ciò che è nelle creature. Cfr. Vari modi di sviluppare la vigilanza di cui il Buddha, dato nel mio lavoro Vipassana: vigilanza buddista. Alla fine, l'ultimo oggetto di attenzione dato dal Buddha è le quattro verità sublimi.)

 

"Cerca di lettura e troverete meditando; Bussare pregare, e sarà aperto a voi attraverso la contemplazione ".

Guigo Kartuzy (scala claustralium; PL 184, 476 C)

 

"La vita del Kontemplatywne finisce nelle gioie della volontà, e questo piacere porta alla maggiore intensità dell'amore."

Saint. Tomasz di Tommaso d'Aquino (Summa theological II, II, Q. 180, A. 1

 

"Dove" lo spirito dell'uomo spirituale è ponadzmysłowemu in questo modo. Il potere di una divinità meravigliosa vola ad altezze inFinite, fluttua di nuovo sopra la profondità senza fondo. Tuttavia, in questo rozkoszowaniu dell'altrettanto eterno e potente, che sono in sé e anche in uscita, lo spirito mantiene la sua natura ed è liberato da tutte le obscurationss e azioni derivate dalle cose inferiori, contempla cose strane Dio. Perché quello che può essere un miracolo più grande di una semplice unità, che è immerso nella sua semplicità dalla Trinità delle persone, e tutta la molteplicità cessa di essere una molteplicità?

Benedetto. Henryk Suzo (vita, la folla. W. Simon OP, Poznan 1990)

 

"Costruisci costantemente il suo cuore alla contemplazione nascosta divina, avermi costantemente davanti ai miei occhi, e non girare mai il mio sguardo da me. Questa contemplazione dovrebbe essere anche l'obiettivo di altri esercizi, come la povertà, la posta, la veglia e tutte le altre mortificazioni. Praticarli solo per quanto ti aiutano nella vostra ricerca per esso. In questo modo, si arriva alla più alta perfezione, che non raggiunge nemmeno uno su mille, e questo perché, vedendo in questi altri esercizi lo stesso obiettivo, vagano per molti anni.

Benedetto. Henryk Suzo (il libro della saggezza eterna, la folla. W. Simon OP, Poznan 1983)

 

"Servo: Signore, che può sopportare costantemente nella contemplazione della vostra presenza divina? Saggezza eterna: nessuno dei viventi nel tempo. Vi è stato detto solo per sapere dove si sta andando, ciò che lo scopo del vostro vagabondaggio dovrebbe essere, in modo che il vostro cuore e la mente dovrebbe essere guidato. E quando si è privati di questa contemplazione, si dovrebbe sentire come se la vostra felicità eterna è stato portato via, e si deve tornare al più presto possibile per tornare indietro e poi si deve diligentemente vegliare su di te. Quando non lo avete, siete come un barcaiolo, che tra i rozszalałych di pupazzi di neve cadde dalle mani di una pagaia e non sapeva dove fare riferimento. E se non potete continuare ad essere ancora nella contemplazione, frequenti ricadute verso voi stessi e la remissione del paziente, vi conducono a una tale Costanza come è possibile ".

Benedetto. Henryk Suzo (il libro della saggezza eterna, la folla. W. Simon OP, Poznan 1983)

 

"Guarda, sono così deliziosamente przystr[Mądrość Przedwieczna]ojona in indumento radiante, sono così fortunatamente circondato da fiori freschi pieni di tonalità tysiącznych, Rose viola, gigli di perle, Violette belle e tutti gli altri tipi di fiori che Fiori Najcudniejsze maggio, un'erba di tutte le membrane di luce allagata e delicati fiori najbujniejszych LANs, rispetto al mio fascino sono come Cardo comune.

Benedetto. Henryk Suzo (il libro della saggezza eterna, la folla. W. Simon OP, Poznan 1983)

 

"Guardando i misteri di Dio, parlò sussurri di pensiero, pieni di mistero e di contenuto profondo."

Raimondo di Capua, vita di Santa Caterina da Siena 16, 184, a proposito, Poznan 2010

 

"Diffidate di certi che la mia anima guardando l'essenza di Dio, e questo è il motivo per cui è difficile per me rimanere in questa prigione di carne."

Raimondo di Capua, vita di Santa Caterina da Siena 16, 215, a proposito, Poznan 2010

 

"La contemplazione del pensiero non è, a mio parere, come un profondo rapporto di amicizia, in cui si parla solo con Dio, convinto che egli ci ama".

Saint. Teresa di Gesù (libro de la Vida, 8)

 

"Sono sicuro che coloro che non si fermano nel cammino non saranno mai privati di un'acqua vivente di contemplazione".

Saint. Teresa di Gesù (dopo la traduzione in Giovanni Paolo II, virtutis exemplum et ma, lettera apostolica di 14 Październia 1981)

 

"Nawykajcie per guardare Cristo. Nawyknijcie per questo! Colui che lavorerà su di esso, si acquisisce il miglior maestro. Io non vi chiedo di essere grande su di lui meditazioni o espirazione lavoro della ragione, né per ottenere un bel pensiero e sentimento-ho solo vi chiedo di guardarlo.

Saint. Teresa di Jesus (diario dell'anima)

 

"Si può sopportare la vista delle cose brutte, non miałybyście a guardare la cosa più bella la nostra mente presenta? Zważcie che egli non chiede nulla più di noi, e in qualsiasi momento, se volete, lo troverete. E così egli vuole che noi siamo guardati, che egli non abbandona alcuno sforzo.

Saint. Teresa di Jesus (diario dell'anima)

 

"Più è quello di guardare la sua presenza di pronunciare una parola. Se preghi con le tue labbra, io so e sento che sto parlando a Dio, e più grande è la presenza divina della sua attenzione allegata che alle parole che io pronuncio, poi mi unisco alla preghiera interiore con l'orale ".

Saint. Teresa di Jesus (diario dell'anima)

 

"La contemplazione è un'abilità d'amore, cioè un amore versante della conoscenza di Dio".

Saint. Giovanni della Croce

 

"Queste considerazioni, forme e modi di pensare sono necessarie… Per moltiplicare nell'amore e per rafforzare l'anima attraverso i sensi. Dobbiamo passare tutti i gradi di considerazione, forme e concetti, per venire all'Unione, il riposo e il bene supremo ".

Saint. Giovanni della Croce (la via per il Monte Carmelo II, 12, 5)

 

"Si dovrebbe imparare a rispettare la mente d'amore di Dio, con la pace totale della mente, anche se sembrava di non fare nulla. Allora è in breve tempo penetra la vostra anima divina riposare insieme con una cognizione meravigliosa e nobile di Dio ".

Saint. Giovanni della Croce (la via per il Monte Carmelo II, 15, 5)

 

La purificazione dei sensi è solo il gateway e l'inizio della contemplazione per lo spirito.

Saint. Giovanni della Croce (notte oscura II, 2, 1)

 

"La luce divina della contemplazione, poiché penetra nell'anima, che non è ancora sufficientemente illuminata, la rende un'oscurità spirituale. Non solo supera la misura della sua capacità, ma anche lo oscura e lo priva dell'uso dell'intelligenza naturale. Per queste ragioni, St. Dionigi (pseudo-Dionigi il Areopagita: de mystica Theologia, C. L, § l; Migne PG 3, 999) e altri teologi mistici chiamano la contemplazione dei raggi delle tenebre. Si riferisce all'anima non ancora purificata, e non finalmente illuminata, in cui la sua eccessiva luce soprannaturale conquista e distrugge le sue forze naturali di ragionamento ".

Saint. Giovanni della Croce (notte oscura II, 5, 3)

 

"Nella preghiera della contemplazione l'anima continua alla presenza di Dio. Egli accetta ciò che Dio vuole darle. Non fa nulla, non fa alcuno sforzo. L'ispirazione le permette di scoprire tutto quello che cerca, e anche molto di più. "

Wincenty a Paulo (SVP IX, 385)

 

"Versare contemplativo è una semplice e amorevole vista per Dio, gli occhi in cui l'anima, attraverso l'ammirazione e l'amore felice, incontra Dio nella sperimentazione, e in profonda pace gode l'inizio della felicità eterna."

Un. René de Maumigny SJ

 

"Guarda in lui, e lui mi fissava."

Abitante di Ars (a Giovanni Maria Vianney; CaTechismo della Chiesa cattolica 2715)

 

"La vera e pura teologia è contemplare me il tuo Dio, amare l'umanità."

La parola di Dio a Vassula Ryden (la vera vita in Dio 95:15.10.98)

 

Contemplazione nel pensiero buddista

 

"La contemplazione o la presenza in uno stato naturale è una pratica fondamentale di dzokczen."

Jongzin Tenzin Namdak Rinpoche (gli insegnamenti di Dzogchen Bonpo)

 

"Il meglio che sappiamo sulla contemplazione, più forte è il potere. Diventiamo più calmi e l'emersione di pochi ostacoli. La presenza di stato naturale limita il potere della passione, e noi manifestujemy le proprietà positive. Veniamo a capire che i fenomeni esterni non sono reali e che non possiedono alcuna natura inerente. Se capiamo questo, saremo meno attaccati agli oggetti e sarà più facile per noi controllare le passioni. "

Jongzin Tenzin Namdak Rinpoche (gli insegnamenti di Dzogchen Bonpo. Parte e pratico)

 

"Ma quando siamo nella contemplazione, in uno stato naturale, non facciamo alcuna ricerca o sperimentazione, perché è l'azione della mente. Ognuno di noi ha bisogno di avere una propria esperienza personale. Guardate nella nostra mente e guardiamo al pensiero, che poi si dissolve. Si è verificato o no? Troviamo questo divario tra i pensieri? Se vogliamo realizzare una condizione naturale per un po', allora nessuna descrizione specifica dello stato di calma o di movimento di pensiero è necessaria. C'è solo questa presenza, indipendentemente dal fatto che vi sia pace o movimento. Questo è irrilevante.

Jongzin Tenzin Namdak Rinpoche (gli insegnamenti di Dzogchen Bonpo. Parte e pratico)

 

"In Dzogchen, si dice che quando siamo nella contemplazione, dobbiamo liberare tutti i pensieri che sorgono, perché altrimenti disturberanno lo stato naturale".

Jongzin Tenzin Namdak Rinpoche (gli insegnamenti di Dzogchen Bonpo. Parte II pratico)

 

"Come facciamo a rimanere nella contemplazione? Abbiamo appena soggiorno in questo stato come se fossimo un bambino che sta giocando felicemente. Se il vostro bambino sta giocando a modo suo, gli lasciamo fare quello che vuole. Non giocare in conformità con il piano sviluppato; Tutto quello che fa è automatico e spontaneo. (…) Se riconosciamo lo stato naturale una volta, rimaniamo solo in questo stato, senza cambiare o afferrare nulla. Abbiamo appena lasciato così com'è.

Jongzin Tenzin Namdak Rinpoche (gli insegnamenti di Dzogchen Bonpo. Parte II pratico)

"Per contemplare tutti i pensieri dyskursywnym, sia buoni o cattivi, dovrebbe essere consentito di Samowyzwolenie".

Jongzin Tenzin Namdak Rinpoche (gli insegnamenti di Dzogchen Bonpo. Parte II pratico)

 

"Dobbiamo combinare uno stato di pura, mente nonduale, scoperto e sviluppato attraverso la contemplazione, con ogni situazione e ogni momento della nostra vita quotidiana ordinaria."

Tenzin Wangyal Rinpoche (i miracoli della mente naturale, Verbum, Katowice)

 

"La pratica della concentrazione non è ancora contemplativa, ma attraverso lo sviluppo della concentrazione possiamo imparare lo stato naturale della mente e raggiungere la capacità di riposare in uno stato di coscienza, che è un'introduzione alla pratica della contemplazione."

Tenzin Wangyal Rinpoche (i miracoli della mente naturale, Verbum, Katowice)

"Nella pratica della concentrazione, abbiamo ancora a che fare con la dualità tra il soggetto che si concentra (focalizzata sul soggetto) e l'oggetto di concentrazione (dove l'entità è focalizzata), e c'è ancora una dualità tra gli interni (consapevolezza All'interno della mente-corpo del meditatore) e ciò che è esterno (l'oggetto della meditazione). La contemplazione non ha più un soggetto o oggetto, si dice che assomiglia a "versare acqua nell'acqua".

Tenzin Wangyal Rinpoche (i miracoli della mente naturale, Verbum, Katowice)

"Il nostro rapporto con i pensieri emergenti è un aspetto chiave della contemplazione. Osservando la formazione, il riposo e la dissoluzione dei pensieri nella vacuità, vediamo la vera, vuota natura del pensiero: i pensieri costituiscono il movimento della mente e hanno la stessa natura della mente naturale, così come le onde hanno la stessa natura dell'acqua del mare. Quando emergono pensieri in uno stato di contemplazione, siamo consapevoli che nascono dalla vacuità e che la loro essenza è la natura della vacuità. Non siamo distratti da loro, ma li lasciamo andare, riposando in una contemplazione calma ".

Tenzin Wangyal Rinpoche (i miracoli della mente naturale, Verbum, Katowice)

 

"La contemplazione di Dzogchen è la coscienza, in uno stato al di là del pensiero, perché un concettuale, presentando la mente che è abituato a mantenere l'attenzione della mente attraverso la produzione continua di pensiero, è a riposo. Concettualmente, la mente pensiero spinge un praticante da uno stato rilassato di contemplazione in tensione, e di conseguenza è difficile per lui rimanere rilassato in uno stato di contemplazione ".

Tenzin Wangyal Rinpoche (i miracoli della mente naturale, Verbum, Katowice)

 

"I pensieri sono il movimento della mente e sono della stessa natura della mente naturale, così come le onde sono la stessa natura acquosa del mare. Quando i pensieri sorgono durante lo stato di contemplazione, siamo consapevoli che essi nascono dalla vacuità e che la loro essenza è la natura della vacuità. Non siamo distratti da loro, ma li lasciamo rimanere in un equilibrio di contemplazione ".

Tenzin Wangyal Rinpoche (trascrizioni di Facebook)

 

"Lo stato della contemplazione o della presenza rappresenta un totale rilassamento."

Namkhai Norbu Rinpoche (yoga sogno tibetano e pratica luce naturale)

 

"La contemplazione è la pratica principale di Dzogczie[praktykujący]n, in cui rimane costantemente nello stato di sé. In questo stato è al di là di tutti i concetti di un mero livello di mente, eppure è pienamente consapevole dell'intelletto e della mente razionale. La contemplazione non è coinv[w nic]olgente, cerca di trovare esperienza di calma o di trasparenza, né cerca di evitare la distrazione. Quando c'è un pensiero nella contemplazione, non la sopprime o la segue; È spontaneamente liberato e sciolto. Questa pratica di liberazione di tutto ciò che emerge è introdotta dal Maestro Dzogczien quando si comunicano spiegazioni sulla natura della mente ".

Namkhai Norbu Rinpoche (yoga sogno tibetano e pratica luce naturale)

 

Il "percorso di Atijogi (Dzogchen) è il percorso di rigpa, non la mente. Pertanto, fin dall'inizio dobbiamo essere in uno stato di contemplazione. Anche se si imparano migliaia di metodi diversi, sono tutti secondari, solo per capire e sviluppare la saggezza. Non dovresti basarti sulle parole, ma sul vero significato. Al livello Dzogchen dovete conoscere il vero significato. Quando si scopre che in diversi tipi di esperienza e di manifestazione vi è un unico e unico stato di presenza, allora si potrà finalmente scoprire la natura niedualistyczną della realtà. Dzogchen è un famoso stato di contemplazione. Quando qualcuno capisce che cosa è la contemplazione, sa anche che cosa è il rilassamento. Questa non è una sorta di intenti o di impegno, come ad esempio "voglio rilassarmi". Questa regola è che qualsiasi tipo di tensione viene superata. Questo ti permette di rilassare tutto. Questo è un totale relax. Tuttavia, ciò non significa che i praticanti devono rilassarsi, ma che la natura della contemplazione è allentamento. Pertanto, Dzogchen è detto di essere senza sforzo, o non obbligare a fare nulla.

Namkhai Norbu Rinpoche, contemplazione

 

"Principio Dzogchen consiste in" non correggere nulla, non rimanere condizionati "e di essere in" ciò che è ". Ma molte persone lo interpretano erroneamente. Invece di essere rilassato nello stato attuale, si indulgere in pigrizia. Sembra a loro che, dal momento che praticano Dzogchen, non è ammissibile per loro di fare qualcosa.

Namkhai Norbu Rinpoche, integrazione

 

"Anche se il pensiero contemplativo può sorgere ed effettivamente sorgere, non è condizionato da loro. Essi sono liberatori da soli quando li lasciano come sono. Nella contemplazione la mente non si impegna in alcuno sforzo; Non c'è niente che devi fare o non fare. Ciò che è, semplicemente, è ciò che è, di per sé, perfetto.

Namkhai Norbu Rinpoche, cristallo e sentiero della luce

 

Alla fine della parola dell'antico clero tibetano,
Trenpy Namki (dran PA Nam mkha '

10. Me Long bdun PA)-sulla base della questione del monastero di Norbutse banale in Nepal. Traduzione della lingua tibetana.